Autovelox truccati nel Casertano, sequestri e 200 indagati

Autovelox truccati nel Casertano, sequestri e 200 indagati Nei guai sindaci, assessori e comandanti delle Municipali

Autovelox truccati nel Casertano, sequestri e 200 indagati
Roma, 5 ago. (Apcom) - Autovelox truccati in provincia diCaserta: 200 persone, tra sindaci, assessori e comandanti dellePolizie municipali sono indagati dai carabinieri per i reatiabuso d'ufficio, turbata libertà degli incanti, falsitàideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici,rifiuto e omissione di atti d'ufficio, soppressione, distruzionee occultamento di atti veri, truffa, illecito trattamento deidati personali.Questa mattina i militari della compagnia di Capua e della Polizia stradale di Caserta hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di numerosi Comuni del Casertano e di diverse società e ditte. Le indagini hanno riguardato il rilevamento delle infrazioni svolto dai Comuni e dalle società tramite autovelox, photored o apparecchi simili: i carabinieri hanno scoperto così un sistema che, in violazione della legge, faceva guadagnare ai Comuni e alle ditte un profitto facile, rilevante quanto ingiusto.In particolare, i carabinieri hanno contestato agli indagati lemodalità di affidamento del servizio da parte dei Comuni alleditte private; la non corretta indicazione in bilancio dellesomme provento delle sanzioni; illecite modalità di rilevazionedelle infrazioni; omessa comunicazione alle competenti autoritàdelle infrazioni al fine del decurtamento dei punti; illeciti nel trattamento dei dati personali.Sulla base delle indagini sono stati sequestrati autovelox ephotored, fissi e mobili; somme introitate dai Comuni con il rilievo delle infrazioni con le apparecchiature illegali; somme introitate dalle società e corrisposte dai Comuni per il noleggio e i servizi relativi al rilievo delle infrazioni con gli autovelox; documentazione cartacea e informatica relativa sul rilievo delle infrazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA