Va male l'incontro Governo-Regioni, restano punti di rottura

Va male l'incontro Governo-Regioni, restano punti di rottura Errani: "Sui Fas non c'è assolutamente chiarezza"

Va male l'incontro Governo-Regioni, restano punti di rottura
Roma, 5 ago. (Apcom) - L'incontro tra Governo e Regioni è stato"negativo" e "si confermano i punti critici e di rottura cheattualmente ci sono tra Regioni e Governo" E' il giudizio diVasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, nellaconferenza stampa al termine del'incontro."Abbiamo chiesto a Berlusconi di prendere posizioni precise, male cose continuano ad avere un segno negativo. La nostra volontàdi collaborazione è piena - ha assicurato Errani - ma servereciprocità: il governo non ci mette in condizione di collaborareperchè procede unilateralmente. Adesso vedremo, nell'incontrofissato per il 4 settembre speriamo di ricevere risposte chiare".Da parte del governo e del presidente delConsiglio c'è un "impegno preciso" a dare nell'incontro del 4settembre "risposte" sulle "singole questioni" sollevate dalleRegioni, è stata la risposta del ministro per gli Affari Regionali,Raffaele Fitto, al termine dell'incontro a palazzo Chigi."Avvieremo con le Regioni - ha aggiunto - anche un monitoraggiosulle singole questioni".Molte le questioni aperte, tuttavia, Sui Fas, per esempio, "non c'è assolutamente chiarezza", secondo Errani.Non c'è cassa, non ci sono risorse reali per finanziare i Par"."E' positivo che sia stato approvato il Par della Sicilia, e giàapprovati altri 9 piani. Ma a marzo c'era l'impegno scritto delGoverno a finanziare tutti i Par e quindi ora deve dare casa. Maquesta cassa non c'è, e non ci sono risorse per investimenti cheservono come fattore anticiclico", accusa Errani. "Serveun'operazione verità, che ci dicano come stanno le cose, e magarismetterla di usare il Fas come un bancomat", ha concluso sulpunto Errani.La risposta di Fitto non è tardata: "Per quanto riguarda i Fas, da parte delgoverno c'è "piena condivisione sulla possibilità di fare unaverifica della situazione esistente. Non è un grande problema, maessendo un fondo destinato sostanzialmente agli investimenti,evidentemente non c'è un problema immediato di cassa, ma c'èl'esigenza di costruire un percorso condiviso".

© RIPRODUZIONE RISERVATA