Martedì 18 Agosto 2009

Iraq/ Un iracheno su cinque ammette di aver versato tangenti

Baghdad, 17 ago. (Apcom) - Un iracheno su cinque afferma di aver pagato tangenti in uffici pubblici e la ricca provincia petrolifera di Kirkuk, nel nord, risulta essere la più corrotta del Paese. Lo rivela un'inchiesta realizzata dalla Commissione per l'Integrità pubblica. Secondo l'indagine condotta da questo organismo indipendente, incaricato di lottare contro la corruzione, su 4.806 persone interrogate in 63 uffici, 1.029 hanno affermato di aver preso una bustarella, vale a dire il 21,4%. In un quarto degli episodi, è stato il funzionario ad aver chiesto direttamente il denaro, mentre per il resto dei casi è stato il cittadino a proporre una tangente per "accelerare la procedura, eliminare gli ostacoli amministrativi o aggirare la legge". La provincia più colpita è Kirkuk dove il 55,88% delle persone interrogate negli uffici governativi afferma di avere versato denaro a dipendenti dello Stato. Subito dietro la provincia di Diyala, a nord di Baghdad, dove il 41,23% delle persone intervistate ha affermato di avere pagato bustarelle. (Fonte Afp)

Bla

© riproduzione riservata