Lunedì 24 Agosto 2009

Scuola/ Miur: in prossimi 3 anni -30% spesa per libri a famiglia

Roma, 24 ago. (Apcom) - Dal monitoraggio in corso sui prezzi dei libri di testo scolastici risulta che i tetti di spesa segnalati dal Ministero dell`Istruzione sono stati in gran parte rispettati. Lo precisa il Miur in una nota dopo l'allarme lanciato oggi da Adusbef, Federconsumatori e Adoc sull'aumento dei prezzi dei libri di testo. Il ministero dell'Istruzione, sottolineando che "è però necessario vigilare costantemente affinché studenti e famiglie siano tutelati", specifica anche che nei "prossimi 3 anni, con i nuovi provvedimenti del Ministero, si calcola che le famiglie spenderanno il 30% in meno per l`acquisto dei libri scolastici". Tra le novità introdotte l' introduzione dei tetti di spesa per le scelte dei libri da parte degli insegnanti: gli insegnanti devono scegliere libri di testo che abbiano un prezzo inferiore ai tetti di spesa fissati dal Ministero. In questo modo è possibile tenere maggiormente sotto controllo il prezzo dei testi e andare incontro alle richieste delle famiglie. Ancora, gli insegnanti dovranno scegliere testi che non cambieranno per 5 anni nella scuola primaria e per 6 in quella secondaria. In questo modo si spingono le scuole a fare delle scelte più oculate sui libri di testo che dovranno essere adottati per 5 o 6 anni consecutivi nella stessa sezione e si incentiva il mercato dell`usato. Gli editori, comunque, potranno integrare i testi con appendici di aggiornamento se sarà necessario in seguito a modifiche dei programmi di insegnamento; Infine, conclude il Miur, già da quest`anno scolastico è stato chiesto agli insegnanti di individuare preferibilmente i libri disponibili, in tutto o in parte, su internet. Dal 2011, invece, il collegio dei docenti dovrà adottare esclusivamente testi utilizzabili nelle versioni on line scaricabili da internet o miste (quelle cioè che integrano sezioni digitali e cartacee).

Red/Apa

© riproduzione riservata