Sabato 25 Aprile 2009

Sri Lanka; Ministri G8: fermare uso civili come scudi umani

Roma, 25 apr. (Apcom) - I ministri degli Esteri dei paesi del G8 si sono detti "profondamente preoccupati" per l'elevato numero di civili coinvolti nella guerra in corso nello Sri Lanka ed hanno "condannato con forza l'uso di civili come scudi umani da parte dell'Esercito di Liberazione delle Tigri Tamil e il terrorismo in tutte le sue manifestazioni". In una dichiarazione congiunta diffusa dal ministero degli Esteri italiano, i ministri esprimono grande preoccupazione per il grande numero di civili vittime" della guerra e "per il deterioramento della situazione umanitaria nel nord dello Sri Lanka". "La condizione dei civili ancora rimasti intrappolati dai combattimenti e che rimangono a serio rischio per le ostilità in corso rappresentano la nostra primaria preoccupazione", si legge nel comunicato congiunto, in cui si esprime pieno sostegno alla decisione del segretario generale delle Nazioni Unite di "inviare un team umanitario nelle zone 'no-fire'". "E' tempo che il conflitto finisca. I ministri degli Esteri del G8 sostengono tutti i rilevanti sforzi internazionali per giungere a tale conclusione e seguiranno a monitorare da vicino la situazione nello Sri Lanka", si conclude nel comunicato.

Coa

© riproduzione riservata