Orobie, una App del Parco  porta sulle tracce dell’orso
La copertina del calendario NaturAnno con i disegni di Stefano Torriani

Orobie, una App del Parco

porta sulle tracce dell’orso

Anno ricco di progetti ed iniziative quello in fase di chiusura per il Parco delle Orobie bergamasche.

Dopo il lungo lavoro di mappatura del territorio con la raccolta di numerose informazioni, nei prossimi mesi, in concomitanza con l’avvicinamento all’Esposizione universale sarà resa disponibile una App per smartphone da cui sarà possibile trarre informazioni su itinerari naturalistici, culturali, turistici, enogastronomici per conoscere il territorio amato dagli orsi che si estende lungo le montagne bergamasche in val Seriana, Val Brembana e Val di Scalve. Il progetto potrà essere esteso anche al parco delle Orobie valtellinesi e della Grigna. Per Expo è prevista la realizzazione anche di una mappa tridimensionale.

«In previsione dell’evento di Expo stiamo investendo sulla comunicazione – aggiunge Caccia – attraverso un finanziamento regionale di 40mila euro perché crediamo che non basti pensare ai progetti, si deve farli conoscere. Vorremmo avere spazi dedicati al Parco anche all’aeroporto».

Oltre alla App il Parco delle Orobie ha avviato una collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo ed altre sei istituzioni straniere per dare vita ad un network europeo per intensificare lo scambio di informazioni ed esperienze.

ARCOrobie è tra i progetti più significati del 2014, che vedrà la fase attuativa nel prossimo anno con il recupero di nove immobili localizzati nei sette comuni di Colere, Gromo, Oltressenda Alta, Taleggio, Valbondione, Valnegra, Vedesta, grazie a contributi (complessivamente pari a 1,4 milioni di euro) di Fondazione Cariplo e Regione Lombardia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA