Mercoledì 21 Maggio 2014

Calcio, il tifo può nuocere alla salute

«Mondiali a rischio stress e infarto»

Il tifo per il calcio può nuocere alla salute. Gli appassionati di calcio sono a rischio salute. Lo dice uno studio secondo cui aumenta lo stress, gli infarti, il consumo di alcol, e le violenze domestiche. E ora ci sono i Mondiali alla porta.

Secondo uno studio dell’Istituto di ricerca di biomedicina e di epidemiologia dello sport (Irmes) di Parigi, i tifosi di calcio durante i grandi eventi sportivi, come per esempio, i mondiali di calcio sono a rischio salute.

Jean-François Toussaint, direttore del prestigioso Istituto ha avvertito: “Il rischio principale è da ricercare nello stress emotivo che si accumula nel corso delle partite che riguardano la squadra del cuore”. L’intervista è stata pubblicata dal quotidiano lussemburghese “Illustré.lu”, che oggi ha pubblicato un articolo sul pericolo che corrono i tifosi di calcio durante i grandi eventi sportivi, come per esempio, i mondiali di calcio.

L’esperto francese aggiunge che il rischio diventa più elevato quando la propria squadra perde. Dei ricercatori spagnoli hanno misurato il livello di cortisolo un ormone il cui tasso aumenta con lo stress tra 50 tifosi di sesso maschile e femminile prima, durante e dopo la finale del mondiale 2010 contro i Paesi Bassi. I livelli di cortisolo aumentavano in modo massiccio proprio prima della partita, soprattutto tra i tifosi più appassionati, in particolar modo tra i giovani uomini, prima di crollare dopo la vittoria (1 a 0 per la Spagna).

Mentre secondo un’inchiesta realizzata a Monaco di Baviera le entrate ospedaliere durante i mondiali di Germania del 2006 sono aumentate del 266% nei giorni in cui giocava la squadra nazionale tedesca di calcio.

Addirittura dei ricercatori dell’Università inglese di Birmingham avrebbero addirittura consigliato di bandire i calci di rigore “per ragione di salute pubblica”. Un appello lanciato dopo aver scoperto che i casi di infarti al miocardio erano aumentati del 25 % il giorno in cui l’Inghilterra aveva perso contro l’Argentina al mondiale di Francia del 1998.

Nei giorni delle sconfitte della squadra nazionale inglese ai mondiali di 2002, 2006, e 2010 si è constatato l’aumento del 38% delle violenze coniugali nella contea di Lancashire (Liverpool). Dati questi che arrivano dalla polizia inglese. I principali responsabili sarebbero gli ormoni e non soltanto il testosterone, che sono associati all’aggressività.

Dei ricercatori francesi da parte loro hanno calcolato che i tifosi ingurgitavano in media il 20% in più di calorie quando la loro squadra perdeva rispetto a quando vinceva, con una predilezione per i grassi saturi e gli zuccheri aggiunti, considerati nocivi per la salute. La ragione è relativamente semplice: quando la squadra del cuore perde, i tifosi si sentono minacciati nella loro identità.

A seguito di tale allerta per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” di primo acchito queste conclusioni potrebbero sembrare banali. Dando un’occhiata alle statistiche però si trovano conferme che mostrano un aumento dei problemi cardiaci, di suicidi, di casi di depressione, di incidenti stradali causati dall’eccessivo consumo di bevande alcoliche.

© riproduzione riservata