Sabato 17 Aprile 2010

Al Mat di Clusone alla scoperta
dei misteri di Leonardo da Vinci

Tra i tanti misteri che il genio di Leonardo ci ha lasciato è difficile sbrogliarsi. Tanto si è detto e scritto. Per aggiungere un nuovo tassello alla conoscenza della sua vita e della storia del nostro territorio, il Mat Club organizza, in occasione della XII Settimana della Cultura, un pomeriggio alla scoperta di uno dei segreti legati a Leonardo da Vinci.

Sabato 24 aprile, alle ore 16.30, presso Sala Legrenzi al Museo Arte Tempo di Clusone (via Clara Maffei, 3), inizia il viaggio con una interessante conferenza-proiezione dal titolo: “Leonardo da Vinci. Il mistero della Croce di Sant'Andrea”. Guida in questa ricerca sarà Adriano Perosi, degli Amici di S. Andrea di Melzo. L'Associazione, costituitasi nel 1985 allo scopo di attuare il recupero architettonico ed il restauro degli affreschi ritrovati nell'antica chiesa di Sant'Andrea a Melzo (MI), continua oggi con successo l'opera di valorizzazione dell'edificio, anche diffondendone la storia, non ancora del tutto svelata.

Il ritrovamento di un teschio durante gli scavi per la pavimentazione, l'identificazione di esso con le sembianze di Galeazzo Maria Sforza, ucciso a Milano dal fratello Ludovico il Moro e qui in gran segreto trasportato; le frequenti visite dello stesso Galeazzo alla contessa Lucia Marliani di Melzo, sua amante; la complicata lettura degli affreschi che si trovano nell'abside della chiesa, collegati ai fatti degli Sforza: tutto questo è ancora un mistero da spiegare.

A ciò si aggiunge che la storia della figlia di Galeazzo, Caterina Sforza, si lega a quella di Leonardo da Vinci quando i due si incontrarono nel Castello di Milano, in occasione del decimo anniversario dell'uccisione del padre di Caterina. Leonardo volle allora partecipare alla rievocazione con studi, allusioni e simbologie “andreane”, ritrovabili nei suoi Codici. Nell'iconografia dell'artista compare, poi, in occasioni particolari, il simbolo della Croce di Sant'Andrea, figura che ripropone il patibolo su cui morì il santo e che si trova disegnata anche nella chiesa di Melzo, nonché negli affreschi di alcuni edifici della città di Clusone.

Grazie a proiezioni di immagini, spiegazioni scientifiche e racconti storici, accolti da dame in costume rinascimentale, sarà possibile avventurarsi all'interno di una storia complicata e per alcuni tratti ancora misteriosa, scoprendo qualcosa di più sul genio di Leonardo e sulla storia del territorio che ci circonda. In contemporanea, a partire dalle 16.30, sempre al Museo Arte Tempo, si svolgerà un divertente e creativo laboratorio di Fragola&Vaniglia per i bambini dai 4 agli 11 anni. Per le iscrizioni a questa attività, rivolgersi alla biblioteca di Clusone (tel. 0346/22440).

k.manenti

© riproduzione riservata