Giovedì 04 Novembre 2010

«Ragazzi, si deve perdonare»
Ecco la lezione di Gaetano Giordano

Questa volta la memoria la si è fatta a scuola. Giovedì 4 l'auditorium della scuola media di Almè si è riempito di tredicenni vocianti che hanno preso posto a sedere forse poco consapevoli di quello che li avrebbe attesi. Giovani studenti che la mafia la sentono solo alla televisione o la leggono sui libri, ma che giovedì l'hanno vista in faccia, hanno capito il male che fa.

È bastato che Michele Giordano, fratello di Gaetano ucciso dalla mafia 18 anni fa per aver detto no al pizzo, iniziasse a raccontare che nell'auditorium è calato un silenzio irreale. Occhi piantati negli occhi, i ragazzi hanno ascoltato silenziosi le parole di chi la mafia l'ha vista in faccia, di chi sa cosa è capace di fare. Mentre su un grande schermo passavano vecchie foto, ritratti di famiglia, sorrisi ancora inconsapevoli, Michele Giordano parlava di dolore, di coraggio di forza per combattere e non arrendersi mai alla prepotenza.

«Mio fratello era diventato un bravissimo commerciante all'inizio non ha avuto richieste di pizzo ma la cosa è degenerata negli anni '80 quando la malavita trafficava in droga e armi e veniva arrestata. E' per potersi pagare gli avvocati ed uscire di galera che hanno iniziato a chiedere il pizzo. Lui ha detto no. Prima sono arrivate le minacce, poi un negozio incendiato e poi l'hanno punito con la morte per aver alzato troppo la testa».

Michele Giordano smette di raccontare, gli si blocca la voce per l'emozione e dai ragazzi parte un forte applauso di incoraggiamento. Vogliono sapere, vogliono capire. «Si deve perdonare ragazzi». Una bella lezione d'amore che non ha lasciato indifferenti questi giovani tredicenni.

Francesca Masseroli

Leggi di più su L'Eco in edicola venerdì 5 novembre

a.ceresoli

© riproduzione riservata