Martedì 10 Maggio 2011

Concorso pianistico a Sestri Levante
Sul podio la bergamasca Elisa Roncalli

Ancora un riconoscimento per Elisa Roncalli, dodicenne di Bergamo -dove frequenta la prima media all'Istituto del Santo Bambin Gesù- fra le promesse orobiche nel mondo delle note. Da ormai quattro anni allieva del maestro Giuseppe D'Avino, docente del Centro Didattico produzione Musica diretto da Claudio Angeleri, Elisa domenica scorsa ha conquistato un meritato terzo premio nella categoria C (nati nel biennio 1998-1999) alla ventiseiesima edizione dell' importante concorso pianistico “Johann Sebastian Bach” di Sestri Levante, organizzato da Comune, Associazione musicale Ars Antiqua e Fondazione Mediterraneo.

Circa centoventi i candidati in gara nelle diverse sezioni provenienti da varie regioni italiane che, durante il recente fine settimana, sono stati ascoltati nell'antico complesso dell' Annunziata affacciato sulla Baia del silenzio, mentre eseguivano brani a scelta libera e pezzi d'obbligo di Bach. Per l'occasione, Elisa Roncalli, unica partecipante bergamasca, ha presentato i pezzi “Inventio 4” di Bach (re minore) e “Nocturne” di Chopin 20b (do diesis minore), riscuotendo con gli applausi del pubblico in sala l' apprezzamento della giuria. Il “Premio Johann Sebastian Bach” di Sestri Levante si è conquistato la fama di concorso particolarmente qualificato, grazie all' accurata organizzazione, ai programmi musicali richiesti e al lavoro delle prestigiose giurie che si sono avvicendate nei vari anni, sempre composte da direttori di Conservatorio, docenti e concertisti affermati

Anche questa volta l'appuntamento di Sestri ha riscontrato un successo per la preparazione dei concorrenti fra i migliori talenti delle scuole pianistiche italiane più prestigiose. Elisa, si era già classificata con buoni risultati anche nelle precedenti tre edizioni del “ Bach” , distinguendosi, inoltre, in un paio di edizioni del concorso internazionale di Candelo “Un ricetto in musica”, patrocinato dalla Regione Piemonte .

e.roncalli

© riproduzione riservata