Marmi orobici da Venezia a Roma
L'arte riscopre il «nero assoluto»

A Brescia si è concluso il restauro di Santa Maria della Carità. Questa chiesa barocca, come molti altri edifici sacri dell'area lombarda e dell'Italia settentrionale, è impreziosita da un marmo storico ormai rarissimo, proveniente dalla Valle Seriana.

Marmi orobici da Venezia a Roma L'arte riscopre il «nero assoluto»

Camminando da piazza della Loggia verso Santa Giulia, nella centralissima via dei Musei a Brescia, su cui si affacciano numerose chiese e palazzi d'epoca, si passa accanto anche a Santa Maria della Carità, di cui si è appena concluso il restauro realizzato su impulso e con il contributo della Fondazione Cab.

Questa chiesa barocca, come molti altri edifici sacri dell'area lombarda e dell'Italia settentrionale, è impreziosita da un marmo storico ormai rarissimo, proveniente dalla Valle Seriana, utilizzato per realizzare il pavimento dell'edificio.

Conosciuto come «nero assoluto», questo materiale è una delle pietre, provenienti dalle valli bergamasche, che nei secoli sono state scelte per la realizzazione di beni culturali di grande prestigio, dalle numerose chiese del Nord Italia a capolavori di architettura e di arte come la Basilica di San Pietro a Roma.

Alcune di queste pietre oggi si sono letteralmente estinte e i processi di estrazione sono ormai fermi: è il caso del «nero assoluto» che, tra il Cinquecento e il Seicento, visse un periodo d'oro. Questo marmo era richiestissimo in tutta Italia ed era ampiamente diffuso soprattutto nei territori della Repubblica di Venezia.

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 25 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA