Venerdì 30 Gennaio 2009

Gandino: giornalisti, musicisti e dj
raccontano la storia del rock

Gandino si conferma paese sensibile alla cultura musicale e annuncia un calendario di incontri con giornalisti e musicisti (ma non solo) per ripercorrere - con parole, video e ascolti guidati - la storia del rock e della musica giovanile. Dal 12 febbraio al 2 aprile «Musical Box. AudioIncontri per un avvicinamento alla musica» si svilupperà in cinque appuntamenti all'auditorium della biblioteca civica (nel palazzo municipale), tutti con inizio alle 21 e a ingresso libero, grazie all'organizzazione dell'assessorato comunale alla Cultura, con la collaborazione del locale Informagiovani e della Pro loco e la produzione esecutiva di Frame Events.
Si comincerà giovedì 12 febbraio con un classico: «Beatles e Rolling Stones: temi, percorsi, stili e sfide dietro il dualismo più celebre della storia del rock». Relatore Donato Zoppo, giornalista-scrittore e divulgatore di progressive rock, jazz «e musica di confine». Scrive per le testate Jam, Wonderous Stories, Percussioni e L'Idea. È cofondatore del web-magazine Movimenti Prog e, tra l'altro, conduce il radio-show Rock City Nights ogni sera su Radio Città BN. Zoppo metterà a confronto le due band e i loro dischi, per raccontare e spiegare come ciascuna ha interpretato lo stesso periodo storico.
Giovedì 26 febbraio si parlerà del libro «Il soffio dell'anima: armoniche e armonicisti blues» di Fabrizio Poggi e Francesco Garolfi. Poggi è musicista (uno dei più noti solisti italiani dell'armonica che suona nei Chicken Mambo), giornalista e scrittore.
Giovedì 12 marzo primo piano su «Neil Young: 40 anni di rock imbizzarrito». Un incontro con il bergamasco Marco Grompi, il massimo esperto (e biografo) italiano del rocker canadese. Per chi non lo sapesse, Grompi, con il suo gruppo musicale, i Rusties, tiene spesso concerti nei quali propone il repertorio di Young.
Giovedì 26 marzo spazio a un territorio musicale molto frequentato dai ragazzi di oggi. Il dj Beppe Loda, un artefice in materia, racconterà «Il movimento Afro in Italia dalle origini ai giorni nostri». Loda partirà dai primi anni '80 per illustrare questo frullato di sonorità differenti in cui si combinano black music, funky, jazz ed elementi tribali tipici africani.
Giovedì 2 aprile ultimo giro del carillon di Gandino con «I vestiti della musica:viaggio fra le meraviglie delle copertine dei dischi». Toccherà al collezionista Paolo Mazzucchelli portare il pubblico in un viaggio a ritroso nel tempo fra musica, arte e creatività.
 

a.benigni

© riproduzione riservata