Martedì 18 Dicembre 2012

Azzola, re della fisarmonica
Concerti nella Bergamasca

Marcel Azzola, uno dei più grandi fisarmonicisti al mondo, sarà in Bergamasca il 30 dicembre e poi l'1 e il 2 gennaio. Il 30 dicembre sarà a Gandino al Salone mons. Maconi del centro parrocchiale; il 1° gennaio a Bergamo al teatro Sociale con un concerto di Capodanno, già tutto esaurito, e il 2 gennaio a Valbondione, nella chiesa parrocchiale.

Marcel Azzola è considerato tra i più grandi fisarmonicisti al mondo di sempre. Figlio di emigranti italiani – padre e madre sono nati in Bergamasca – vive a Parigi.  Tornerà in terra orobica per riscoprire i luoghi delle sue origini, incontrare amici e appassionati. Nei concerti, l'uno diverso dall'altro, sarà accompagnato dalla pianista Lina Bossatti.

Il 30 dicembre a Gandino un incontro dal titolo assai significativo che mette in luce  tutti gli intenti: ”Sui tasti della memoria: una vita dedicata alla fisarmonica”. Sarà l'occasione per scoprire quanto le biografie ufficiali non hanno mai detto su di lui e tracciare profili dei grandi artisti con i quali lui ha collaborato. Sicuramente Marcel Azzola darà un saggio della sua arte. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Al termine sarà possibile visitare il museo dei Presepi.

Il 1 gennaio 2013 Marcel Azzola e Lina Bossatti saranno invece protagonisti del “Concerto di Capodanno” al teatro Sociale di Bergamo alta, offerto dalla Provincia di Bergamo. I posti sono già esauriti.

Il concerto sarà replicato il giorno successivo, il 2 gennaio, nella chiesa parrocchiale di Valbondione, con programma diverso e adeguato al luogo sacro. E' questa è una tappa voluta dal maestro, intenzionato ad omaggiare il paese natale della madre. Inizio alle 21 e ingresso libero sino ad esaurimento posti. Il concerto nell'ambito della rassegna provinciale “Gospel:ritmo divino Xmas 2012” organizzato da Geomusic con la complicità del Comune di Valbondione. 

Chi è Azzola
La sua carriera inizia sul finire degli anni trenta suonando dapprima musica francese e poi classica. Alla fine della guerra scopre il jazz e collabora con i grandi artisti di quei tempi, come Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, Didier Lockwood, Toots Thielemans e molti altri ancora.

In quegli anni partecipa a diversi prestigiosi concorsi internazionali, vincendoli e gli vengono assegnati numerosi importanti riconoscimenti. E' riconosciuto come il precursore della fisarmonica classica e jazz in Francia.

Negli anni Cinquanta accompagna i grandi nomi della canzone francese quali Edith Piaf, Yves Montand, Juliette Gréco, Gilbert Bécaud e Jacques Brel e dà vita ad un suo gruppo da ballo con il quale fa molte tournée. Conosce poi la cantante e pianista Lina Bossati, con la quale dà vita a diverse formazioni e attualmente si esibisce in duo. Nel frattempo continua anche le sue collaborazioni con grandi del jazz.

Nel corso della sua carriera ha registrato un centinaio di  musiche da film tra cui quelle di “Mon Oncle”, “Traffic” e “Play Time” di Jacques Tati; “Il giudice e l'assassino” di Bertrand Tavernier.

Nominato cavaliere, è stato poi elevato al rango di commendatore delle Arti e delle Lettere dal ministro della cultura francese nel 2007 per la sua carriera e il riconoscimento internazionale.

Info: www.marcelazzola.com

r.clemente

© riproduzione riservata