Martedì 07 Marzo 2006

Cinto Galizzi festeggia ottant’annicon una mostra al Circolo artistico

Nato il 7 marzo 1926 a Sarnico, il pittore Cinto Galizzi compie in questi giorni ottanta anni. Per festeggiare questa felice ricorrenza un gruppo di ammiratori suoi concittadini hanno promosso un sua mostra antologica presso il Circolo Artistico Bergamasco. Una iniziativa, questa, che torna ad onore del nostro abile artista del pennello che, forse, non tutti conoscono pienamente a causa del suo caratteri schivo e alieno dal clamore della pubblicità. Ma a parlare di lui sono le sue opere che testimoniano la sua eccellente bravura e che sicuramente susciteranno vivo interesse negli osservatori di questa attuale rassegna.
Le opere esposte «partono» dal 1940 quando Cinto Galizzi era solo quattordicenne, allora giovanissimo allievo presso la nostra Accademia Carrara sotto la guida dei maestri Contardo Barbieri dapprima, e di Achille Funi poi, ottenendo menzioni onorevoli e il «Premio Loverini». In questi dipinti Cinto Galizzi appare, ancora manifestamente succube degli insegnamenti accademici, e non poteva essere diversamente, ma in seguito egli con gradualità, vivace intelligenza e ammirevole inventiva, si «creò» una sua spiccata personalità, ben evidenziata da uno stilema fondato su solide basi figurative, ma con originale impostazione sia segnica che cromatica. Il disegno infatti si rende sciolto e libero, e il colore è di un impasto solido che si imprime sulla tela con spatolate vigorose e sicure.
Nelle opere realizzate negli ultimi tempi, quelli della maturità, Cinto Galizzi si abbandona ad un chiarismo delicato abolendo quasi totalmente le incisività dei toni per una interpretazione, sia dei paesaggi come delle figure, più intimistica della realtà, quasi a lasciarsi prendere da emozioni maggiormente intense e passando quasi da uno stile espressionista ad uno stile pur sempre figurativo ma, di certo ancor più intriso di fresca poesia. Comunque la personalità di Cinto Galizzi non si tradisce, e con i suoi dipinti continua ad offrirci «visioni» pittoriche che contengono preziosi messaggi di serenità e di gioia spirituale.

Durata della mostra
fino al 16 marzo
Orari
tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 16 alle 19, sabato e domenica dale 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.
Dove
Circolo artistico bergamasco, via Tabaiani, 4 - Bergamo

(07/03/2006)Lino Lazzari

g.francinetti

© riproduzione riservata

Tags