Emozioni con la musica di Ermal Meta I bambini cantano nella lingua dei segni

Emozioni con la musica di Ermal Meta
I bambini cantano nella lingua dei segni

Il brano «Dall’alba al tramonto» di Ermal Meta cantato dai bambini con il linguaggio dei segni.

L’interpretazione del tutto originale di questa canzone verrà eseguita nella serata di venerdì, alle 20, al Centro sportivo di via per Stezzano 33 ad Azzano, dai bambini di età compresa tra i 5 e i 12 anni che hanno partecipato al «Summer camp emotivo» organizzato dall’associazione «Tutti in campo per tutte» onlus con il patrocinio del Comune di Azzano San Paolo e la collaborazione di Msp (Movimento sportivo popolare Italia) e Asd Azzano Fiorente Grassobbio.

Durante il Summer camp emotivo, a cui hanno partecipato circa 20 bambini a settimana a partire dal 23 luglio, sono state proposte attività creative, laboratori musicali, giochi di squadra, pittura, compiti e, per l’appunto, un corso di base di lingua dei segni, ideato con l’obiettivo di promuovere tra i più piccoli la comunicazione e le relazioni con gli altri. «Il corso è stato tenuto dall’insegnante Elisabetta Maio e puntava a fornire gli elementi fondamentali del linguaggio utilizzato dalle persone non udenti» ha spiegato Viviana Mascolo, organizzatrice del Summer camp emotivo e responsabile dell’associazione «Tutti in campo per tutte» onlus. E continua l’organizzatrice: «La finalità era quella di abbattere ogni barriera legata alle differenze che caratterizzano ciascuno di noi e al tempo stesso valorizzare il rispetto della soggettività per far sì che tutti possano aprirsi con naturalezza sentendo la fiducia di chi ha accanto. Se ci pensiamo, infatti, la manifestazione è universale e prescinde dalle problematiche che ognuno possa avere: ad esempio, le espressioni con cui esterniamo la paura oppure quando sorridiamo per esprimere gioia sono comuni a tutti, al di là del fatto che si possano avere problemi dal punto di vista fisico (uditivi, visivi) piuttosto che caratteriali, come la timidezza. I bambini hanno capito subito che anche con le persone che non sentono e non vedono è possibile comunicare: in questo senso il ritornello della canzone di Ermal Meta riporta le parole “Sposteremo il mondo, io mi fido di te- Insieme rotolando, solo se ti fidi di me”, che racchiudono pienamente l’essenza del Summer camp emotivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA