Mario Donizetti: ecco il «logo»  della candidatura Unesco

Mario Donizetti: ecco il «logo»
della candidatura Unesco

Ecco il «logo» che il pittore Mario Donizetti ha realizzato e donato all’associazione Terra di San Marco che si è costituita nel 2012 per sostenere la candidatura Unesco delle città murate veneziane, che vede Bergamo nel ruolo di capofila.

Raffigura la pianta della città di Palmanova, la porta San Giacomo di Bergamo e quelle di Venezia, Zara, Peschiera, Cattaro e Chioggia. Poco sopra il Leone di San Marco, comune denominatore di ognuno dei luoghi raffigurati..

«L’associazione Terra di San Marco – spiega la presidente Luciana Frosio Roncalli – ha già svolto un lavoro grande, soprattutto attraverso il ciclo di incontri tutt’ora in corso e che a gennaio avrà il suo culmine in un congresso internazionale a cui parteciperanno i rappresentanti di tutte le città che partecipano al progetto».

«Nell’ultimo anno - prosegue - abbiamo raccolto diverse adesioni di enti e gruppi all’associazione, ma ci piace ribadire che Terra di San Marco è aperta a tutti e quindi invitiamo i cittadini che ne vogliono fare parte ad associarsi. Credo che il logo che il maestro Donizetti ha realizzato e presentato per l’associazione rappresenti un grande regalo per tutta la nostra città».

Il logo della candidatura Unesco realizzato dal pittore Mario Donizetti

Il logo della candidatura Unesco realizzato dal pittore Mario Donizetti

«Mai come in questa occasione sono felice e orgoglioso del gesto che un grande artista come Donizetti ha espresso per la città di Bergamo. In questo modo possiamo presentarci al meglio, anche graficamente e visivamente, al progetto che vuole Bergamo come sito Unesco», ha sottolineato Roberto Amaddeo, consigliere delegato al progetto Unesco che tra pochi giorni volerà a Roma proprio per verificare lo stato d’avanzamento della candidatura.

Intanto prosegue fino a gennaio il ciclo di incontri promosso dal Comune di Bergamo «Terra di San Marco». Da frontiera di pietra a paesaggi vivi di pace»: giovedì 30 ottobre Claudio Visentin e Adriana Bortolotti, entrambi della Fondazione Bergamo nella Storia, racconteranno la «Storia del quotidiano dall’800 a oggi» delle Mura, mentre venerdì alle 21 la Porta S.Agostino ospiterà la lettura scenica «I bergamaschi e le loro Mura» nell’ambito del deSidera Festival 2014.


© RIPRODUZIONE RISERVATA