Sabato 07 Giugno 2008

Morto Dino Risi, girò a San Pellegrino Terme

E’ morto questa mattina a Roma nel residence nel quartiere Parioli dove viveva da anni il regista Dino Risi. Aveva 92 anni. Considerato uno di maggiori esponenti della commedia italiana, di lui si ricordano film capolavoro come Il sorpasso, I mostri, Poveri ma belli. A San Pellegrino Terme, nel 1978, al Grand Hotel Dino Risi girò Primo Amore con Ornella, Muti, Ugo Tognazzi, Mario del Monaco, Caterina Boratto e Riccardo Billi.LA SCHEDA Nato a Milano nel 1916, Risi gira il suo primo documentario nel ’48 dal titolo Barboni, sul problema della disoccupazione a Milano. Nel 1951 dirige Vacanze con il gangster, poi il successo arriva con Pane amore e..., il sequel con Sophia Loren dei due fortunati film di Luigi Comencini. E’ del 1956 un’altra commedia di successo, Poveri ma belli. In questi anni il regista lavora con alcuni tra i più grandi attori della nostra cinematografia del periodo come Nino Manfredi, Vittorio Gassman -laciato da Il mattatore -, e Alberto Sordi con cui ha girato Il vedovo (1958), Una vita difficile e molti altri.Sono degli anni ’60 tutti i suoi film più famosi: Il sorpasso, I mostri, la satira sulle vacanze dei ricchi con L’ombrellone e il film con Totò, Operazione San Gennaro. Nel decennio successivo il regista prende in giro e fotografa con ironia vizi e difetti degli italiani. Nel ’74 dirige Profumo di donna, di cui è stato fatto anche il remake hollywoodiano con Al Pacino e nel ’77 lavora di nuovo con Monicelli e Scola ne I nuovi mostri. Col passare degli anni inizia a girare meno film, anche perché il clima felice della commedia all’italiana sembra ormai essere passato. Negli anni ’80 fa Fantasma d’amore con Marcello Mastroianni e nel ’96 prova a fare il remake di Poveri ma belli, Giovani e belli. Tra gli ultimi riconoscimenti, nel 2002 ha vinto il Leone d’oro alla carriera  e nel giugno 2004 l’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, gli ha conferito il titolo diCavaliere di Gran Croce.(07/06/2008)

e.roncalli

© riproduzione riservata