Martedì 07 Dicembre 2004

Natale Bertuletti, la lezione del colore nei suoi ritratti

Nella ricorrenza del decimo anniversario della sua morte, avvenuta il 27 settembre 1994, il pittore concittadino Natale Bertuletti è ricordato con un’antologica alla sala Camozzi di Bergamo. Nato a Mapello nel 1915, Natale Bertuletti è stato allievo di Luigi Brignoli e di Contardo Barbieri all’Accademia Carrara dove si è diplomato nel 1934. Da allora ha iniziato un «cammino artistico» che lo a portato a qualificarsi tra i migliori esponenti della pittura bergamasca, attraverso una personalità senza confronti per la sua indiscussa capacità a rendere i suoi dipinti espressione di una intelligenza e di una creatività oltremodo sorprendenti.

Per lui la natura ha sempre costituito la fonte di stupende ispirazioni, tradotte poi in immagine pittorica per mezzo di una gamma cromatica dalle tonalità soffuse e contrapposte, a secondo delle tematiche trattate che, come dice il sottotitolo di questa postuma, costituiscono «la lezione del colore in armonia e libertà».

Uno dei soggetti preferiti da Natale Bertuletti è stato il ritratto: egli ha sempre saputo donare la preziosità dei caratteri dei personaggi stessi, mettendo in risalto le loro espressioni quale riflesso del loro animo e dei loro intimi sentimenti. Rimarranno ad esempio esplicativo i numerosi ritratti di Papa Giovanni che proprio a Natale Bertuletti riservava stima e apprezzamento. A lui affidò infatti l’incarico di ritrarlo dal vivo sin da quando Angelo Giuseppe Roncalli era Patriarca a Venezia e poi sommo Pontefice.

Informazioni utili

Durata della mostra: fino al 19 dicembre;

Orari: da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 19.30, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30.

Sala Camozzi, passaggio Sora di via Camozzi 43, Bergamo.

Lino Lazzari

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags