Martedì 12 Aprile 2005

Opere di 33 artisti azzanesi Mostra collettiva a Colognola

È stata inaugurata sabato scorso a Colognola la collettiva d’arte del gruppo pittori e scultori azzanesi «Cecco Previtali» con la presenza di ben 33 artisti con varie opere di pittura ad olio, acquerello, tecniche miste, e di scultura, testimonianza dell’attività del gruppo che, nella memoria del fondatore Cecco Previtali, da anni sta realizzando un programma di formazione artistica giunta ormai a lodevoli risultati.

Questi i pittori e gli scultori presenti alla rassegna:

Umberto Bandera, Pietro Basurini, Franco Bertulessi, Natale Bettineschi, Maria Teresa Biffi, Maria Teresa Campana, Enza Capocchiani, Ignazio Capitanio, Anna Maria Carrara, Maria Cassi, Giuliana Civera, Silvana Cortinovis, Lorella Epis, Erminia Ghidini, Ferruccio Ghisleni, Vanda Gianotti, Fulvio Lambiase, Mario Magri, Maria Grazia Mastropaolo, Alberto Merisio, Angiolamaria Morandi, Francesco Oliva, Serenella Oprandi, Camilla Pesce Cuniberti, Olga Pietrosante, Maria Luisa Rodinò, Miriam Rota Scalabrini, Adele Sartori, Sergio Tengattini, Stefano Tengattini, Irene Valsecchi, Marisa Velasco e Gian Luigi Zanini.

Impossibile qui redigere un esame per le opere di ogni singolo artista. Diciamo solo che la «linea» comune sulla quale si svolge la loro espressione artistica è principalmente, se non esclusivamente, quella dello stile figurativo tradizionale. Ci troviamo di fronte ad elaborati che ben rivelano le spiccate personalità di ognuno di loro, con interpretazioni di svariate tematiche, dai paesaggi alle figure e alle nature morte. Colpisce il fruitore la perfezione del disegno, avvalorata da un impasto cromatico armonico ed equilibrato nelle tonalità. oltre ad una giusta impostazione strutturale, che esprimono in pienezza messaggi di serenità e di quiete attraverso un «linguaggio» pittorico di immediata comunicabilità. Da apprezzare le opere ad acquerello, delicate nella stesura e dotate di trasparenze per davvero preziose sul piano stilistico e contenutistico.In numero minore sono invece le sculture, ma pur esse degne di apprezzamento per l’equilibrio delle forme e le concettualità che vogliono esprimere, rapportate quasi esclusivamente sui valori dell’affettività e dell’amore.

Durata della mostra: fino al 17 aprile; orari: feriali dalle 15,30 alle 18,30, festivi e prefestivi dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 18,30.

Auditorium S. Sisto (ex chiesa) in Colognola - Bergamo

(12/04/2005)Lino Lazzari

g.francinetti

© riproduzione riservata

Tags