Lunedì 05 Dicembre 2005

Personale di Mario Gotti a Sorisole

Il pittore Mario Gotti espone una sua personale nel paese natale di Sorisole, dove attualmente vive e lavora. Cresciuto tra le colline e in una località dove le bellezze della natura costituiscono lo spunto per infinite ispirazioni poetiche, egli proprio da queste realtà si è lasciato invadere il suo spirito per trasmettere sulla tela, dopo averle ammirate e a lungo contemplate, tutte queste meraviglie del creato. Impossibile per un artista, pittore o poeta che egli sia, non lasciarsi coinvolgere dalle stupende atmosfere di simili paesaggi della zona collinare della nostra terra bergamasca.

Qui la luce è uno spettacolo sorprendente sempre nuovo in qualsiasi momento della giornata o delle stagioni la si voglia osservare; essa invade ogni cosa, cascinali, prati, campi coltivati a vigneti oppure a granoturco e così via, e i riflessi si fanno variegati in una sequenza di miriadi di colori.

Mario Gotti sceglie questi colori, li elabora a suo piacimento dando la preferenza di solito, a varie gamme di verdi che diventano una sua precisa prerogativa e che servono a dare ai paesaggi un aspetto di serenità e di quiete, quasi un invito ad intime meditazioni. In tal contesto di "giochi" cromatici ecco "nascere" e prendere forma i vari soggetti di Mario Gotti, Che hanno per tematica appunto il paesaggio rappresentato sia nel contesto di ampie campiture sia nel singolo dettaglio, dove le luci si rincorrono in sequenze brillanti sì ma comunque sempre armoniose e ben equilibrate.

In tutto questo si evidenzia chiaramente la personalità di Mario Gotti, personalità acquisita ormai da lunghi anni di esperienza e che gli ha permesso di ottenere più che positivi consensi da parte del pubblico e della critica, e prestigiosi riconoscimenti in importanti esposizioni e concorsi.

Durata della mostra

fino al 26 dicembre

Orari

venerdì dalle 17 alle 21; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 21

Dove

Spazio espositivo Don Antonio Rubbi - Sorisole.

LIno Lazzari

g.francinetti

© riproduzione riservata

Tags