Ristoratore bergamasco negli Usa lancia il cinema all’aperto gratis

Ristoratore bergamasco negli Usa
lancia il cinema all’aperto gratis

Il cinema all’aperto in stile Esterno Notte? C’è anche in Alabama, importato negli States dal bergamasco Marco Morosini, 42 anni.

Cresciuto a Scanzo, Marco ha lasciato Bergamo nel 1997 e ora ha un bel ristorante, il Silvertron Cafè, a Birmingham, la città più grande dello Stato dell’Alabama: poco più di 200 mila abitanti. «Abito qui a Birmingham da una dozzina d’anni dopo aver vissuto tre anni in San Francisco e uno in Florida» racconta. «Il mio locale non è lontano dal parco di Avondale, che ha uno stupendo anfiteatro». Da qui l’idea di farne una platea per il cinema all’aperto: «Non c’è niente di simile nella zona e i film durante l’estate sono un appuntamento perfetto per le famiglie».

Il bergamasco Marco Morosini, da 12 anni cittadino di Birmingham in Alabama

Il bergamasco Marco Morosini, da 12 anni cittadino di Birmingham in Alabama

Morosini è diventato negli anni un punto di riferimento nella comunità di Birmingham: «Sono stato eletto presidente dell’associazione dei negozianti della zona di Forest Park e South Avondale, che sono due rioni della città. Quattro anni fa ho chiesto ai negozianti della zona se volevano partecipare a una raccolta fondi per riuscire a fare proiettare almeno un film, che qui è un’operazione abbastanza costosa: si superano facilmente i mille dollari di spesa tra polizia - che qui non è gratis - copyright, noleggio dello schermo. E da lì è nato il successo».

La partecipazione del pubblico è gratuita, dal momento che il cinema all’aperto è finanziato dagli sponsor. «Qui andare al cinema è piuttosto caro; un biglietto per due persone con pop corn e bibite costa intorno ai 35 dollari – spiega Morosini -. Quest’anno ho 34 sponsor, soprattutto ristoranti e bar, che invitano il pubblico a rifornirsi da loro degli spuntini da portare al parco durante il film. Il 99 per cento degli sponsor ha rinnovato ogni anno la partecipazione, ciò vuol dire che aiuto il loro business».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 21 luglio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA