Sanremo, Baudo e la storia della tv - Foto
Michelle balla Despacito con Favino

La seconda puntata del Festival di Sanremo parte con un colpo di scena: la canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro - «Non mi avete fatto niente» - è stata sospesa.

Sanremo, Baudo e la storia della tv - Foto Michelle balla Despacito con Favino

A fare il primo ingresso della puntata numero due, Baglioni mano nella mano con Michelle Hunziker, luminosa in abito color ciclamino, bellissimo. Subito duettano sulle note del brano «Il pozzo dei desideri», dalla colonna sonora di Biancaneve e i Sette Nani. Raggiunta da Pierfrancesco Favino, Michelle ha poi lasciato Baglioni al piano: «Sò qua. Vi siete accorti che sò rimasto qua. E allora andiamo a comincià...», ha detto Baglioni lanciando la gara delle Nuove Proposte.

Al centro dell’attenzione, però, Ermal Meta e Fabrizio Moro: i due artisti sono stati sospesi dalla gara di Sanremo «in attesa di approfondimenti tuttora in corso sulla vicenda della presunta violazione del regolamento del Festival da parte della canzone». L’organizzazione del festival - d’accordo con il direttore artistico, Claudio Baglioni - ha deciso di sospendere l’esibizione dei due artisti, prevista stasera. Al loro posto - dopo un’estrazione a sorte alla presenza di un notaio - è stato designato Renzo Rubino, che doveva esibirsi giovedì. Cosa ne pensi? Vota la tua canzone preferita sul nostro sondaggio on line e segui qui la diretta.

Al termine delle esibizioni delle quattro prime Nuove Proposte (le foto dei quattro artisti qui sopra), in testa alle preferenze della giuria demoscopica (che vale per il 30%), c’è Alice Caioli. Secondo Lorenzo Baglioni, terza Giulia Casieri. Chiude Mirkoeilcane.

«Stamattina sono andato a vedere su Wikipedia e risulto ancora cantante-cantautore» ha detto più sciolto rispetto al debutto di ieri, Claudio Baglioni che scherza sugli ottimi risultati ottenuti nella prima puntata dal suo festival.

Poi i Big sul palco: Le Vibrazioni e Nina Zilli sono i primi. A seguire l’ingresso de Il Volo che cantano «Nessun dorma » e duettano con Baglioni, in un omaggio a Sergio Endrigo.«Tornare qui dopo tre anni è un’emozione, ritrovarci con una standing ovation è un grande onore. Grazie», ha detto Ignazio a nome anche dei suoi due compagni, Piero e Gianluca.

A seguire Diodato e Roi Paci e l’arrivo acclamatissimo di Pippo Baudo. Per lui tutti in piedi. Poi il presentatore storico legge una lettera indirizzata a San Remo. «Vi voglio bene, grazie, grazie, grazie a tutti» dice e presenta anche la canzone di Elio e le Storie Tese.

A Sanremo Baudo racconta la sua esperienza, lunga 13 festival, che coincide con un’ampia pagina della storia della tv italiana. L’esordio, al teatro del Casinò, proprio 50 anni fa, con Louis Armstrong, «fui costretto a cacciarlo», ricorda Baudo, per motivi di scaletta. Poi elenca i tanti talenti scoperti, Laura Pausini, Giorgia, Eros Ramazzotti, i record di ascolto (”feci il 74% con 17 milioni, ma ho l’impressione che lo batterai», dice a Claudio Baglioni), le risate con Fiorello, Benigni, il trio Marchesini-Lopez. E ancora le star mondiali ospitate sul palco, da Madonna a Sharon Stone, che baciò, a Whitney Houston, che fece il bis. Pubblico e orchestra lo abbracciano idealmente con una standing ovation e allora ecco rispuntare Superpippo: «Questo festival a questo punto lo presento io». Gli tocca introdurre Elio e le Storie tese, «li ho presentati io qui, con La terra dei cachi. C’è pure Vessicchio, ha diretto l’orchestra a Caprera con Gairbaldi». Entra Michelle Hunziker, «ha debuttato con me», incalza Baudo. Poi saluta: «Arrivederci all’anno prossimo».

Subito dopo anche Biagio Antonacci e ancora i big con Ornella Vanoni e un susseguirsi di ospiti, con l’arrivo anche di Sting sul palco che canta in italiano «Muoio per te» di Zucchero. Ma prima Michelle Hunziker si scatena nel ballo con Favino: insieme ballano Despacito.

Poi ancora i Big in gara: Red Canzian, Ron, Annalisa e i Decibel. Tra gli ospiti anche Franca Leosini pronta a incalzare Baglioni intercalando le strofe della celeberrima «Questo piccolo grande amore», il Mago Forest e Roberto Vecchioni con «Samarcanda».

Infine, all’una, la classifica dei dieci campioni in gara che chiude la seconda puntata del Festival (giuria è stata la sala stampa):
Posizione rossa (basso gradimento): Nilla Zilli, Elio e le Storie Tese, Red Canzian, Renzo Rubino
Posizione gialla (medio gradimento) Le Vibrazioni, Annalisa, Decibel
Posizione blu (alto gradimento): Diodato e Roi Paci, Ornella Vanoni, Ron

© RIPRODUZIONE RISERVATA