Nuove oasi nel Parco dei Colli Le specie (rare) che saranno salvate-Foto
Ululone dal ventre giallo

Nuove oasi nel Parco dei Colli
Le specie (rare) che saranno salvate-Foto

Si tratta di stagni artificiali che favoriranno alcune specie faunistiche minori e gli anfibi. Già pronta l’area del Canto Alto. Presto ne sarà realizzata una anche in località Fenile a Torre Boldone.

Un’oasi di biodiversità a due passi dal centro abitato. A Torre Boldone, grazie a un intervento promosso e realizzato dal Parco dei Colli di Bergamo, nascerà uno stagno artificiale, nell’area verde comunale in località Fenile, vicino al parco pubblico e alla sorgente del Còp, nell’ambito residenziale di via Vincenzo de Paoli (ex Croce rossa). Sarà realizzato entro il 24 maggio, quando si celebrerà la «Giornata di custodia del Parco» istituita dalla Regione Lombardia, a cui aderisce anche il Parco dei Colli di Bergamo, di cui il Comune di Torre Boldone fa parte.

Rana montana

Rana montana

Lo stagno sarà poco profondo (dai 15 ai 50 centimetri), ma sufficiente per ospitare numerose specie selvatiche di fauna e flora, una ricchezza per il territorio tutelato dal Parco dei Colli. È qui che già vivono salamandra pezzata, tritoni (crestato e punteggiato), rospo comune, raganella italiana, rana agile, rana montana e il sempre più raro e localizzato ululone dal ventre giallo. Alcune di queste specie saranno immediatamente favorite dalla presenza del nuovo stagno, che sarà arricchito dall’inserimento di essenze specifiche, come il giaggiolo acquatico e il carice tagliente.

Salmandra pezzata

Salmandra pezzata

Raganella italiana

Raganella italiana

tritone crestato

tritone crestato

Leggi di più acquistando a 0.99 euro la copia digitale del 20 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA