Anelli di schiuma bianca nel Brembo Allarme inquinamento a Filago
L’inquinamento a in zona Marne

Anelli di schiuma bianca nel Brembo
Allarme inquinamento a Filago

Per un tratto di un centinaio di metri del Brembo, tra le località Marne e Fornasette a Filago, l’acqua è ricoperta da uno strato di schiuma: anelli biancastri che da tempo vengono segnalati da cittadini e volontari dell’associazione «Oasi Verdi».

Negli ultimi giorni l’inquinamento è più evidente e la notizia ha cominciato a circolare sui social network. «Il fenomeno era di lieve entità ma col passare dei giorni la presenza della schiuma si è accentuata sempre di più – racconta Roberto Marra, ex capogruppo consigliare di Filago e membro dell’associazione Oasi Verdi con sede al Parco locale di interesse sovraccomunale-Plis del Basso Brembo, a Marne –. All’inizio dell’anno sono andato a verificare il corso del fiume e la schiuma si era accumulata proprio su un tratto della zona Fornasette, dove l’acqua scorre poco e ristagna: forse per questo si sono formati quegli strani anelli. Più a valle c’era ancora della schiuma e così verso il Ponte Corvo. Ho controllato il corso anche nella zona a nord, Mulini e passerella di Filago, e l’inquinamento era presente a chiazze che arrivavano da nord. Ho avvertito il Plis del Basso Brembo e il Parco Adda Nord, convenzionato da dicembre 2014 con il Plis del Brembo».

Il commissario prefettizio di Filago, Adriano Coretti, sentito su questo fatto, ha detto: «Sono stato avvisato del fenomeno venerdì dagli agenti di polizia locale e non sono riuscito a recarmi sul posto a verificare quanto riferitomi. Lunedì comunque contatterò gli enti deputati perché procedano a fare un controllo su questa presenza anomala di schiuma nel Brembo».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 10 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA