Cene, dentista diventa volontario «Giro il paese con un furgoncino»

Cene, dentista diventa volontario
«Giro il paese con un furgoncino»

Questo spazio è dedicato ai lettori che ci scrivono per condividere i loro sentimenti, i progetti in questo momento di isolamento forzato per combattere il coronavirus. Scrivete al nostro indirizzo email: [email protected] oppure attraverso la pagina Facebook de L’Eco di Bergamo.

Diamo spazio, qui e sul giornale, ai lettori che vogliono condividere i sentimenti, i progetti in questo momento di isolamento forzato per combattere il coronavirus. Scrivete al nostro indirizzo email: [email protected] oppure attraverso la pagina Facebook de L’Eco di Bergamo.
Molti ci mandano foto di bambini: è importante che nella mail entrambi i genitori autorizzino, anche indicandolo semplicemente nella email, la pubblicazione dell’immagine.
-------------------

Sono tante le storie di generosità e di collaborazione reciproca che attraversano in queste settimane le nostre comunità. In tanti, al di là di etichette o di ruoli ufficiali, si mettono a disposizione per le varie necessità, guardando in particolare a chi è ammalato, anziano o a chi vive in solitudine. Come nella storia che vi raccontiamo.

Renzo Madaschi e gli altri volontari davanti al Municipio di Cene

Renzo Madaschi e gli altri volontari davanti al Municipio di Cene

«Avrei desiderato molto aiutare i miei colleghi in corsia, ma non è possibile. Volevo però dare il mio piccolo contributo in questa battaglia e quindi ho deciso, insieme ad altri volontari, di dedicarmi alla mia comunità, in modo particolare agli anziani, ai malati e alle persone sole di Cene».

È la testimonianza di Renzo Madaschi, medico odontoiatra di 60 anni del Comune della Valle Seriana che, in poco tempo, è diventato per le persone più fragili di Cene un punto di riferimento prezioso per la consegna a casa della spesa. «Inizialmente – racconta Renzo – avrei voluto mettermi a disposizione del personale sanitario della nostra provincia, ma in questo momento così difficile servono figure specializzate e preparate ad affrontare una simile emergenza.

Così, grazie al supporto di una decina di giovani della Parrocchia e alla sinergia con il Comune e con Promo Cene, abbiamo unito le forze, creando da pochi giorni questo servizio che si sta rivelando prezioso per rispondere a una della principali richieste di aiuto da parte dei cittadini più in difficoltà».

Un furgoncino gira in paese

Renzo gira il paese con il suo furgoncino, al quale è stato attaccato un megafono particolare per diffondere anche messaggi e informazioni.

«Stiamo usando l’altoparlante che il parroco usa di solito per le funzioni religiose – sorride il medico odontoiatra -. Abbiamo organizzato il servizio in poche ore come meglio potevamo e grazie a questo megafono forniamo ai cittadini le indicazioni principali e portiamo loro dei messaggi di speranza. In questo momento crediamo infatti che anche questi piccoli gesti possono fare la differenza, per far arrivare alle persone la nostra vicinanza e il nostro supporto».

La vicinanza ai più anziani

«La cosa più bella di questi giorni – continua Renzo – è proprio vedere la luce di gioia negli occhi dei malati e degli anziani. Una signora ci ha addirittura regalato una colomba pasquale per ringraziarci di ciò che stiamo facendo. Oltre alla spesa, noi volontari ci informiamo sulle loro condizioni di salute e, per quanto possibile, offriamo un piccolo conforto, anche per chi ha purtroppo perso una persona cara. Per questo, la prossima sfida sarà quella di attivare un piccolo gruppo di ascolto, che verrà gestito da altri giovani volontari. Per questi ragazzi credo sia una bellissima esperienza e li ringrazio per ciò che stanno facendo».

Oltre alla spesa, Renzo e i volontari distribuiscono alle famiglie di Cene dalle 50 alle 100 mascherine al giorno. «Questi dispositivi – conclude il medico odontoiatra – sono cuciti ogni giorno da un gruppo di persone che stanno facendo davvero molto per la nostra comunità. Le mascherine vengono donate ai cittadini senza chiedere nulla in cambio.

In questi giorni così tragici, stiamo vedendo una comunità unita e generosa. Questo impegno e questo amore per il sociale ci riempie, nonostante il buio dell’emergenza, di luce e di coraggio».  
(Testimonianza raccolta da Laura Arrighetti)


© RIPRODUZIONE RISERVATA