Martedì 19 Marzo 2013

L'acqua col calcio
aiuta le ossa

La giusta acqua può essere una fonte supplementare di calcio, favorendo la salute delle ossa. È la conclusione a cui è giunto uno studio francese guidato da Josette Guillemant, e riportato dal magazine In a Bottle (www.inabottle.it).

La ricerca francese ha convolto 12 uomini sani di età media 21 anni: «Nessuno degli uomini aveva disturbi o assumeva farmaci noti per influenzare il metabolismo del calcio. I soggetti sono stati studiati durante la loro dieta abituale, alla quale è stata inclusa un'assunzione di calcio attorno agli 800 milligrammi. La sera prima di questo dosaggio sono stati accuratamente evitati pasti ricchi di calcio».

A queste persone sono state fornite «due tipologie di acque minerale con contenuti differenti di calcio: una con un alto contenuto, pari a 344,7 mg per litro; un'altra con un contenuto di 9,9 mg per litro».

L'obiettivo dello studio era quello di capire in che modo l'acqua minerale ricca o povera di calcio regola la secrezione del cosiddetto ormone paratiroideo, che influenza la presenza di calcio nel sangue, e del collagene C-telopeptide, coinvolto nella crescita e nel mantenimento in salute dell'osso.

Secondo lo studio, è stato dimostrato che «l'assunzione di una dose bassa di calcio riduce i livelli dell'ormone paratiroideo e diminuisce la concentrazione del collagene nelle urine. In altre parole è stato appurato che una grossa assunzione di calcio aumenta la calcemia, cioè il livello di calcio nel sangue, e abbassa il livello dell'ormone paratiroideo. Se il livello di calcio è basso viene però inibito il "turnover osseo", cioè quel processo con cui il tessuto osseo "vecchio" viene nel tempo sostituito da quello nuovo, e viene favorita una perdita della massa ossea che aumenta di entità specie in età avanzata».

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags