Giovedì 29 Settembre 2011

Gucci diventa
anche un museo

Le celebrazioni per il 90esimo anniversario di Gucci sono culminate lo scorso 28 settembre con l'apertura al pubblico del Gucci Museo (www.guccimuseo.com), all'interno dello storico Palazzo della Mercanzia, in Piazza della Signoria a Firenze.

Progettato dal direttore creativo di Gucci Frida Giannini, si tratta di uno spazio vivente che racchiude la filosofia «Forever Now» del marchio. L'esposizione permanente dell'archivio Gucci, preservato e ampliato nel corso degli anni, sarà affiancata da una serie di installazioni d'arte contemporanea selezionate con il supporto della Fondazione Pinault. Il percorso del museo sarà inoltre completato dai negozi destinati ai prodotti iconici di Gucci e agli articoli da regalo, da un bookstore e da un caffè.

«Fin dalla mia prima visita all'archivio, nove anni fa, ho sentito una profonda responsabilità verso l'eredità del marchio - ha detto frida Giannini -. Ho voluto far rivivere il suo prezioso archivio per celebrare il grande potere narrativo che esiste dietro l'incredibile varietà di prodotti e motivi iconici di Gucci. Quest'anno, in occasione del 90esimo anniversario, mi è sembrato il momento giusto per inaugurare uno spazio dove svelare per la prima volta al pubblico i nostri tesori nascosti».

Il Gucci Museo si sviluppa su una superficie di 1.715 metri quadrati disposti su tre piani, ed è diviso in sale a tema ispirate ai motivi iconici e ai simboli di Gucci. Mentre il piano terra e i piani superiori dell'edificio ospitano la mostra permanente, nel basement privato ha sede il caveau che custodisce l'archivio Gucci: un'immensa collezione di capi di prét-à-porter, accessori, oggetti, documenti e foto, meticolosamente raccolti, catalogati e conservati per documentare l'universo creativo e l'influenza culturale del patrimonio di Gucci. Il piano terra ospita il Gucci Caffè, un luogo di incontro che oltre ad accogliere i visitatori del museo è stato pensato come punto di ritrovo per i fiorentini e nuova meta irrinunciabile del centro città, dove sarà inoltre possibile gustare un variegato menù a base di cibi preparati con ingredienti di produzione locale e biologica.

L'adiacente Bookstore è gestito in collaborazione con Rizzoli, che aggiunge questo spazio alle altre location di New York, Londra e Milano. All'interno di questo spazio è presente anche il Gift Shop, dove si potranno acquistare speciali oggetti da collezione tra cui custodie per iPhone e iPad, candele profumate, segnalibri, sportine, cartoline, schede pop-up in 3D di Piazza della Signoria, cartoline di pelle, articoli di cancelleria di lusso, pastelli Caran d'Ache e cioccolatini, tutti con il marchio del Gucci Museo.

Disponibile anche un'Icon Collection di prodotti in edizione unica, tra cui i modelli di borse come la New Jackie, la New Bamboo, la Stirrup e la Horsebit Chain, così come il mocassino con morsetto e il foulard Flora, tutti disegnati da Frida Giannini con tonalità e dettagli realizzati in esclusiva per il Gucci Museo.

Il viaggio nella storia di Gucci prosegue al primo piano, con la rappresentazione di altri temi e icone di Gucci: dal Mondo Flora, motivo intramontabile che nel tempo ha scoperto molteplici interpretazioni e stilizzazioni su tutti i prodotti dell'azienda; alla sala Borse, percorso di design ed eccellenza artigianale che ricorda i modelli storici, divenuti dei veri e propri oggetti di culto ancora oggi ricercatissimi; fino al tema Sera, che svela il sogno dell'abito da sera e la magia delle creazioni da red carpet indossate agli eventi più prestigiosi, e alla sala Preziosi, dove sono esposte clutch uniche e oggetti di valore.

Al primo piano si trova anche il Contemporary Art Space, dedicato alle opere di artisti contemporanei selezionate in collaborazione con la Fondazione Pinault. Nella sala adiacente saranno invece presentati i video e le installazioni delle produzioni più originali e contemporanee della «movie art». In questa sala avranno anche luogo le proiezioni dei film storici che Gucci ha contribuito a restaurare grazie alla collaborazione con la Film Foundation di Martin Scorsese, e dei documentari cui Gucci ha devoluto nel tempo fondi di supporto attraverso il Gucci Tribeca Documentary Fund.

L'esposizione permanente continua al secondo piano, con la Logomania, spazio che ripercorre l'evoluzione del monogramma della doppia G, tracciando una storia nella storia il cui protagonista è l'intramontabile segno grafico divenuto emblema del made in Italy. Infine, i temi Lifestyle e Sport completano il viaggio all'interno del museo, con un omaggio ai simboli e ai prodotti iconici del marchio ispirati ai mondi dello sport e del tempo libero.

Dal 28 Settembre il museo rimarrà aperto al pubblico e l'esposizione sarà permanente per tutto l'anno. Il costo del biglietto è 6 euro e il 50% dei proventi di ogni vendita sarà devoluto a sostegno di un fondo dedicato alla tutela e al restauro dei tesori più importanti della Città di Firenze. www.guccimuseo.com

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags