Domenica 29 Giugno 2014

MiMiSol canta al Pitti Bimbo

e apre in centro a Milano

Imelde Bronzieri con il Piccolo Coro dell’Antoniano a Firenze

I bambini al centro, e abiti che, da soli, si raccontano come in una fiaba. «Bambini vestiti da bambini e che cantano le canzoni per bambini». Imelde Bronzieri lo sottolinea, ancora una volta, e ci tiene a trasformare il suo messaggio moda anche in un progetto musicale. Per questo motivo giovedì scorso ha aperto il Pitti Bimbo portando a Firenze il Piccolo Coro dell’Antoniano intitolato all’indimenticabile Mariele Ventre e diretto da Sabrina Simoni. Sorridenti e solari, mani dietro le schiene dritte, questo gruppetto felice e fanciullesco ha cantato la celebre Ninna Nanna di Brahms, ma anche tante canzoni ritmate e allegre dello Zecchino d’Oro con pure un medley dei pezzi più storici e famosi della manifestazione (il video su www.mimisol.com).

Ovviamente in abiti MiMiSol, il marchio che la stilista bergamasca ha fondato lo scorso 2011 e che ora investe con forza sull’Italia: il prossimo 10 luglio aprirà il suo primo monomarca a Milano, in via Borgospesso, angolo via della Spiga. Tutto questo condito da una collezione che a Firenze ha come sempre raccontato un mondo di bambini spensierati, nella spontaneità e la naturalezza dell’essere piccoli e del fantasticare tra le note della musica. E così, si pensa al fruscio del taffetà delle gonne colorate di bimbe sorridenti, una collezione che è espressione della stilista, a Firenze impegnata coi buyer stranieri, in un mercato sempre più internazionale. La bergamasca ha infatti appena inaugurato i suoi nuovi negozi a Doha e Bacu, arrivando a nove monomarca nel mondo: uno a Mosca, uno a Osaka, due a Taipei, uno a Jeddah e un altro a Riyadh. «Ora Milano, un passo avanti importante e una scommessa sul mio Paese e sulla moda italiana in cui credo e che da sempre porto avanti con MiMiSol – spiega Bronzieri -. Apro nel Quadrilatero della moda e sono fiduciosa, anche in relazione al turismo su Milano dove già il mio corner in Rinascente dà grandi soddisfazioni».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 29 giugno

Fabiana Tinaglia

© riproduzione riservata