Cassiglio, lupo fotografato di giorno Ritorno ormai certo sulle Orobie
Il lupo fotografato a Cassiglio (Foto by a)

Cassiglio, lupo fotografato di giorno
Ritorno ormai certo sulle Orobie

Un giovane esemplare di canide ripreso due volte nei pressi di una pozza d’acqua. La Regione: potenzieremo le difese per gli alpeggiatori.

A detta degli esperti la foto è inequivocabile. I lineamenti, le caratteristiche sono quelle del lupo. Un lupacchiotto, per la precisione, ovvero un giovane esemplare. È quello finito in una fototrappola, per due volte – al mattino del 9 settembre, e poi nel pomeriggio del giorno dopo – nella Valle di Cassiglio, intorno ai 1.400 metri di quota. Lo si vede avvicinarsi e poi lasciare un laghetto dove si era probabilmente abbeverato. L’immagine è quella scoperta nei giorni scorsi nella fototrappola installata da Andrea Galizzi, 44 anni, di San Pellegrino, cacciatore del Comprensorio venatorio alpino della Valle Brembana, tra i collaboratori di un progetto, avviato da circa due anni con l’Università di Pavia, sui cervi. Progetto che fa uso di fototrappole, nelle quali, ovviamente possono «cascare» anche animali diversi dagli ungulati oggetto di ricerca.


© RIPRODUZIONE RISERVATA