Nuovo casello dell’A4 a Dalmine Il progetto «light» mette tutti d’accordo
Il casello autostradale di Dalmine (Foto by Colleoni)

Nuovo casello dell’A4 a Dalmine
Il progetto «light» mette tutti d’accordo

Arrivato via libera in Conferenza dei servizi lo svincolo può procedere: 12-13 milioni e 14 mesi per completare l’intervento che snellisce il traffico

Era il 1997 quando per la prima volta si iniziava a parlare di lavori al casello autostradale di Dalmine: 23 anni dopo si intravede la luce in fondo al tunnel. È arrivato pochi giorni fa il parere positivo dalla conferenza dei servizi indetta dal provveditorato interregionale delle opere pubbliche di Lombardia ed Emilia Romagna sul progetto definitivo presentato da Autostrade per l’Italia.

Tradotto: tutti i soggetti interessati in qualche modo all’opera (Comuni di Dalmine e Stezzano, ministero delle infrastrutture e trasporti, Provincia, Regione, ma anche i gestori dei sottoservizi come ad esempio Uniacque, Telecom, Terna, Snam, l’autorità di bacino) hanno detto sì. Il timore, non tanto nascosto, era che la pandemia che ha travolto Bergamo e la Lombardia avesse delle conseguenze anche sulle tempistiche relative al progetto del nuovo casello, che si bloccasse tutto un’altra volta, come era già successo nel 2019 quando a seguito del crollo del ponte Morandi e i rapporti tesi tra Governo e Autostrade per l’Italia, Dalmine era rimasto fermo per quasi un anno nei cassetti del Mit. Invece l’iter, nonostante il virus, prosegue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA