Marte, una nuova mappa dell’acqua getta luce sul suo passato - VIDEO

Marte, una nuova mappa dell’acqua getta luce sul suo passato - VIDEO

È pronta la nuova mappa dell’acqua su Marte , che getta nuova luce sul passato del pianeta rosso: l’acqua ne ha infatti plasmato la geologia in maniera molto più importante ed estesa di quanto si fosse ritenuto finora. Lo affermano due studi pubblicati sulla rivista Icarus e guidati da Università francese di Parigi-Saclay e Agenzia spaziale giapponese (Jaxa). I risultati offrono alle future missioni anche nuovi promettenti candidati per i siti di atterraggio, nei quali sarebbe forse possibile estrarre l’acqua rimasta nei minerali presenti . La mappa è frutto delle osservazioni condotte nell’ultimo decennio grazie allo strumento Omega, presente a bordo della sonda Mars Express, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa , e allo strumento Crism, sulla sonda Mars Reconnaissance Orbiter, della Nasa.

<iframe allow="accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen="allowfullscreen" frameborder="0" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/XPCamm_iU7A" title="YouTube video player" width="560"></iframe>

La mappa indica le posizioni e la quantità dei cosiddetti minerali acquosi : si tratta di rocce che in passato sono state alterate chimicamente dall'azione dell'acqua e che sono state quindi trasformate in argille e sali. Fino a pochi anni fa i ricercatori ritenevano che, su Marte, ci fossero circa un migliaio di siti con queste caratteristiche, ma le osservazioni raccontano una storia molto diversa: nelle zone più antiche del pianeta ci sono almeno centinaia di migliaia di siti in cui è possibile trovare minerali acquosi.

“Il nostro lavoro ha stabilito che, in realtà, questi minerali sono così abbondanti che la stranezza è non trovarli”, commenta John Carter dell’Università di Parigi-Saclay, alla guida del primo studio e co-autore del secondo. “Il passaggio dalla presenza di tanta acqua alla sua totale assenza non deve essere stato così netto come pensavamo. Abbiamo trovato una tale varietà di contesti geologici – continua Carter – che nessun semplice fenomeno può spiegare l’evoluzione del pianeta rosso: Marte mostra una diversità di minerali molto simile a quella della Terra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA