Lunedì 10 Giugno 2013

Due star del rugby
martedì al Due Torri

Martedì 11 giugno, dalle ore 16,30, all'Adidas Store del centro commerciale «Le Due Torri» di Stezzano, saranno ospiti i campioni della nazionale italiana di rugby Simone Favaro e Mirco Bergamasco. I due atleti incontreranno i fan e per l'occasione firmeranno autografi e rimarranno a disposizione per scattare fotografie in compagnia del pubblico presente allo shopping center.

Mirco Bergamasco, classe 1983, gioca come tre quarti centro/ala ed è fratello di Mauro Bergamasco con il quale ha condiviso parte della carriera in nazionale. A oggi miglior realizzatore di mete in attività per l'Italia (17 totali), ha collezionato 89 caps con la maglia azzurra facendo il suo esordio durante il Sei Nazioni del 2002, a soli 19 anni, partecipando tra l'altro alla Coppa del Mondo nel 2003 in Australia e a quella del 2007 in Francia. Costretto a saltare l'ultima edizione del Sei Nazioni a causa della frattura del ginocchio sinistro, subita a fine novembre 2012 durante il test match tra Italia e Australia, a livello di club gioca dal 2003 in Francia, dove ha collezionato 96 presenze e 19 mete dal 2003 al 2010 con la maglia dello Stade Français, vincendo anche due campionati nel 2004 e 2007. Trentadue presenze e tre mete, invece, nelle ultime tre stagioni al Racing Métro, altra squadra d'Oltralpe dove milita attualmente.

Simone Favaro, classe 1988, è cresciuto nella Benetton Treviso, dove è tornato la scorsa stagione dopo quattro campionati tra Rovigo, Parma e Aironi (franchise italiana che milita in Celtic League con la quale ha disputato due stagioni tra il 2010 e il 2012). Terza linea di ruolo, Favaro è tra i punti fermi della nazionale italiana di rugby (21 caps per lui) ed è considerato tra i migliori atleti internazionali in circolazione nel proprio ruolo. Con la maglia azzurra ha disputato da protagonista l'edizione 2013 del Sei Nazioni. Operato per un problema alla mano lo scorso maggio, tornerà a calcare i campi di gioco il prossimo settembre al termine del percorso riabilitativo.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags