Mercoledì 18 Marzo 2009

Zucchero e solidarietà
a San Pellegrino

La solidarietà viaggia su 300 mila bustine di zucchero. Da alcuni giorni il comitato organizzatore della «Dieci ore di sport e solidarietà» di San Pellegrino, manifestazione in programma il 30 e 31 maggio, sta vendendo in Valle Brembana le bustine che riportano la pubblicità della 12ª edizione dell’evento. Nella cittadina termale sono arrivate in 157 scatole di 2.000 pezzi ciascuna e stanno per essere distribuite in particolare ai bar. Quest’anno il ricavato della manifestazione andrà alla fondazione onlus «Aiuti per la ricerca sulle malattie rare» (Armr) di Bergamo.

«Molte confezioni sono già prenotate – spiega Valentino Conti, presidente dell’associazione Dieci ore di sport e solidarietà –. Dopo quattro anni di distribuzione abbiamo ormai negozi affezionati che ogni anno ritirano almeno una scatola. Quest’anno abbiamo ordinato un numero maggiore di confezioni, 157 rispetto alle 140 del 2008, visto che il successo ricosso da questa iniziativa aumenta sempre di più». «E anche quest’anno la distribuzione sarà affidata anche ai ragazzi della cooperativa In Cammino – continua Conti –. Anche loro hanno voluto darci il loro contributo: si occuperanno della distribuzione delle bustine e, durante la due giorni dell’evento, ci aiuteranno nella raccolta differenziata».

Chi fosse interessato all’acquisto delle bustine (ogni scatola con 2.000 pezzi costa 23,40 euro Iva compresa) può chiamare lo 0345.22400. «Quest’anno – dicono dalla cooperativa – organizzeremo anche una mostra ambientale, con un angolo per la costruzione di giochi e strumenti musicali realizzati con materiale riciclato. Il Servizio formazione autonomia (Sfa) del Comune di San Pellegrino, gestito dall’area disabili della cooperativa gestirà inoltre la vendita delle bustine di zucchero nei bar e ristoranti della Valle e si attiverà per la gestione della raccolta differenziata». «La collaborazione con l’evento di San Pellegrino – spiega Daniela Guadalupi, presidente della fondazione Armr – ci consentirà di sostenere le persone con malattie rare e dare loro una speranza. La sera del 7 maggio presenteremo la manifestazione con una conferenza dal titolo Fiori rari e malattie rare, insieme all’associazione Flora alpina bergamasca (Fab). Il 15 e 16 maggio, invece, saremo nelle scuole della cittadina insieme a Claudia Cella, ricercatrice di San Pellegrino dell’istituto Mario Negri per illustrare la fondazione. Il 30 e 31 maggio, quindi, organizzeremo l’animazione dell’evento, in collaborazione con l’unità cinofila della Protezione civile volontaria di Alzano».

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags