«L’arte che cura» alla Pinacoteca di Brera

«L’arte che cura»
alla Pinacoteca di Brera

«L’arte che cura»: è in calendario venerdì 23 ottobre alle 17 alla Pinacoteca di Brera, un appuntamento nell’ambito della rassegna Brera Expo Wine Tour in collaborazione con Asso Brera, le scuole di Musica di Novate, di Dj Re.Creative 12.0, i ragazzi della comunità Kayros di don Claudio Burgio e dei giovani del Master in packaging design del Politecnico di Milano.

Dal disagio giovanile all’Alzehimer, l’arte visiva o la musica possono essere utilizzate come una vera e propria terapia. Ne parleranno Emanuela Galbiati, arte terapeuta (autrice del progetto «Due passi nei musei di Milano: arte visiva e arte terapia per l’Alzheimer»); don Claudio Burgio nella doppia veste di maestro della Cappella Musicale del Duomo e fondatore della Comunità Kayros, dedicata al disagio giovanile e l’artista bergamasca Laura Morelli. Modera l’incontro Claudia Mangili, giornalista de L’Eco di Bergamo.

Tanti altri gli appuntamenti di Brera Expo Wine Tour
Davanti all’Accademia di Brera ogni mezz’ora (a partire dalle 18) sarà possibile accedere ad una degustazione guidata di tutti i vini che saranno disponibili anche in 13 negozi dello storico quartiere milanese: Mi art – Galleria Mondo Arte via Brera 3 - Bar Jamaica via Brera 32 - Il Cirmolo via Fiori Chiari 3 - A.G. Spalding & Bros via Fiori Chiari 23 - Brunelli via Fiori Chiari 5 - Robertaebasta via Formentini 4 - Calligaris via Tivoli 24 - Pria via Ponte Vetero 22 - Olio Carli via Ponte Vetero 13 - Gioffrè via Ponte Vetero 4 - Hotel Milano Scala via dell’Orso 7 - Le Spighe alla Scala Bar via Verdi 2 - Musa via Verdi 2

In due negozi, Calligaris il giorno 22 e AG Spalding and Bros il 23 ottobre, si potrà anche assistere allo showcooking dello chef Claudio Colombo che preparerà dei piatti pugliesi tratti dal menù Nutrigourmet by Daniela Morandi, sulla piastra Onfalos.

Il metodo NutriGourmet by Daniela Morandi nasce su solide radici che si ispirano alla Dieta Zona, integrate e reinterpretate da Daniela Morandi grazie alla sua formazione scientifica e ai suoi approfondimenti sulla biochimica applicata agli alimenti e sul bilanciamento dei macro nutrienti.

Le vetrine a cura dei giovani del Politecnico di Milano con il progetto Polipack
Le vetrine di alcuni negozi saranno allestite da un porta bottiglie e portafrutta innovativo. Sarà fatto in poliuretano espanso, Polipack, materiale di cui sono fatti i materassi. Il progetto è stato tema del Master in Packaging Design del Politecnico di Milano. Oggi la qualità del prodotto frutticolo passa attraverso la capacità del packaging di preservare la frutta integra durante tutta la fase di trasporto, dal punto di raccolta alla tavola del consumatore. Polipack costituisce un esempio di collaborazione tra industria e mondo della ricerca volto ad individuare nuove soluzioni per utilizzare in modo funzionale ed originale il poliuretano per l’imballaggio della frutta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA