San Pellegrino: hotel per le terme E centro commerciale, lavori dal 2017

San Pellegrino: hotel per le terme
E centro commerciale, lavori dal 2017

Avanti. Un passo alla volta, ma avanti. Dopo il recupero del casinò, dopo le terme, i finanziamenti e i lavori previsti quest’anno per Grand Hotel, funicolare e Vetta, ora è la volta della galleria commerciale e del nuovo albergo per il centro termale.

Ad annunciare il progetto definitivo dell’area che ospiterà negozi e hotel è stato lunedì 11 gennaio Gianluca Spinelli del gruppo Percassi, durante l’incontro che Regione Lombardia - presente il presidente Roberto Maroni - ha voluto nella cittadina termale per illustrare gli ultimi sviluppi dell’operazione di rilancio (la prevista integrazione dell’accordo di programma sottoscritto nel 2007 con Provincia, Comune e privato, in particolare i nuovi fondi regionali per funicolare e Grand Hotel).

«San Pellegrino ha un centro termale di assoluta eccellenza (103 mila presenze nel 2015) - ha detto Spinelli - grazie a una struttura affascinante e alla grande capacità del gestore, il gruppo Quadrio Curzio. Ora dobbiamo realizzare un’area commerciale altrettanto d’eccellenza. E per fare questo stiamo cercando di convincere i grandi marchi del made in Italy e internazionali che San Pellegrino può essere una meta importante da un punto di vista commerciale. Cosa difficile, ma ci stiamo riuscendo. Entro febbraio presenteremo il progetto dell’area commerciale e del nuovo albergo».

Il nuovo hotel terme (quello storico sorgeva dove ora ci sono le piscine) sarà un quattro stelle, avrà dalle 80 alle 100 camere, il legno sarà l’elemento caratterizzante, sorgerà accanto a Villa Giuseppina (destinata probabilmente a ospitare le terme curative-sanitarie) e avrà il collegamento diretto col centro termale, caratteristica ormai di tutte le principali spa termali europee. I lavori, come annunciato dallo stesso Spinelli a margine dell’incontro, dovrebbero iniziare per il 2017, mentre a lotti e in tempi da decidere, partirà anche la galleria commerciale.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 12 gennaio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA