A Cazzano si accende la Raggiera In Val Seriana tempo di Tridui - Video

A Cazzano si accende la Raggiera
In Val Seriana tempo di Tridui - Video

Venerdì 22 gennaio ha preso il via a Cazzano Sant’Andrea la celebrazione del Sacro Triduo dei Morti. Una celebrazione molto sentita dalla comunità retta dal parroco don Egidio Rivola, che per tradizione apre la stagione dei Tridui, durante i quali in molte chiese della Valle Seriana vengono costruite gigantesche Raggiere.

Sono vere e proprie opere d’arte realizzate nei secoli dalle mani di sapienti intagliatori lignei, definite «macchine» per la loro maestosa complessità. Nonostante sia la Quaresima il periodo per eccellenza per la celebrazione dei Tridui (che anticamente si tenevano principalmente nel periodo carnevalesco), il tour inizia nelle domeniche precedenti. In Val Gandino quello dei Tridui è un vero e proprio tour che inizia quest’anno sin da gennaio.

Domenica 30 gennaio toccherà a Leffe, mentre la domenica prima delle ceneri (Carnevale) toccava fino a qualche anno fa a Barzizza (ora è a novembre). Alla prima di Quaresima c’è Peia (ed anche Vall’Alta di Albino, dove pure la tradizione è molto sentita), poi, dopo Gandino (seconda di Quaresima, con l’enorme Raggiera in Basilica opera dei Caniana), alla terza di quaresima si passa a Cirano. La quarta domenica di Quaresima è infine appannaggio di Casnigo. Qui la Raggiera ottocentesca dei fratelli Bugada sarà innalzata nell’arcipresbiterale di San Giovanni Battista. Viene definita dalla tradizione la «Ragia che pirla», in quanto un tempo le fiammelle poste dietro i vetri multicolori davano l’impressione di una rotazione.

In un video è raccolta questa particolare tradizione, con particolare riferimento alle Raggiere di Gandino e Casnigo.

Giambattista Gherardi


© RIPRODUZIONE RISERVATA