Mercoledì 19 Maggio 2010

Pechino e Shanghai
con «Columbia»

Ci sono almeno tre buone ragioni quest'anno per “regalarsi” un viaggio in Cina. La prima è senz'altro costituita da un motivo di richiamo assoluto come l'inaugurazione della grande Expò Mondiale che dal 1 maggio al 31 ottobre si tiene a Shanghai; la seconda è data dal fatto che quest'anno ricorrono i 400 anni della morte di un “grande italiano”, Matteo Ricci, che lasciando tracce indelebili nella cultura cinese, ebbe il “privilegio” nel 1610 di esser stato l'unico straniero a cui fu concessa sepoltura a Pechino; il terzo è rappresentato da una motivazione prettamente commerciale: la Columbia Turismo propone a prezzi “imbattibili” di gruppo un viaggio di 9 giorni (“Mimosa”) con partenze garantite anche con solo 2 partecipanti che consente la visita delle principali mete turistiche in questo grandissimo paese: Pechino, Xian e Shanghai. L'Expò 2010 si annuncia essere la più ricca versione di questo genere di manifestazioni per la quale i vari paesi espositori, e tra questi l'Italia, non hanno lesinato nel realizzare padiglioni di grandissima importanza artistica ed architettonica che ospiteranno iniziative ed eventi di risonanza “mondiale” appunto.

Circa la figura di Matteo Ricci (Li Ma Dou, per i cinesi) alle tante manifestazioni in Italia tenutesi quest'anno da Treviso a Roma, passando per quella Macerata che diede i natali al grande padre Gesuita, hanno fatto da riscontro le tante iniziative che si sono tenute in varie città della Cina in memoria di questo personaggio che, assieme a Marco Polo, è l'unica figura straniera, occidentale celebrata tra coloro ai quali la società cinese si ritiene esser debitrice di civiltà sul grande “pannello della storia cinese” esposto a Pechino.

Se nell'immaginario di coloro che ambiscono a conoscere la Cina vi sono senza ombra di dubbio la Grande Muraglia e la Città Proibita di Pechino, l'Esercito di Terracotta di Xian e l'avveniristico skyline della nuova Shanghai con i grattacieli di Pudong ebbene questa proposta di viaggio non tralascia alcuno di questi “miti” offrendo peraltro molto di più nell'arco di solo 9 giorni di programma.

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags