Lunedì 05 Settembre 2011

La transumanza
all'Alpe di Siusi

Lo splendido scenario dell'Alpe di Siusi, dominato dallo Sciliar, si prepara ad accogliere una delle cerimonie più suggestive della regione. La tradizionale transumanza, che si ripropone inalterata ai nostri giorni dalla notte dei tempi, è un immancabile appuntamento per chi desidera tuffarsi negli usi e costumi locali. Consuetudine vuole che il rientro del bestiame dall'alpeggio cada durante il “Rosari-Samstag”, il sabato prima del giorno del Ringraziamento, che nel 2011 sarà l'1 ottobre.

Alle 10 in punto, le strade dell'Alpe di Siusi, a Compaccio, saranno invase pacificamente dai circa 400 capi del comprensorio e dalle loro guide. Sarà un assalto allegro e colorato: ad ogni mucca verranno applicati copricapi fioriti e campanacci scelti con cura, e l'esemplare più bello farà bella mostra di sé indossando l'addobbo più importante. Corolle multicolori brilleranno anche sui cappelli dei pastori, mentre la gente del luogo vestita con abiti tradizionali si mescolerà ai visitatori per partecipare alla festa del rientro. Non mancheranno suonatori di corni alpini, Goasslschnolzer (i famosi schioccatori di frusta), l'esibizione della banda musicale del paese e il mercato contadino.

Ad accompagnare il tutto, gustose specialità della cucina locale, piatti tipici e i famosi krapfen, crostoli dolci ripieni di marmellata preparati dalle contadine. Il corteo sfilerà anche a Castelrotto, alle 13. Gran finale il giorno seguente, domenica 2 ottobre 2011, a Fiè allo Sciliar, dove le vacche arriveranno alle 10.

Per informazioni:

Alpe di Siusi Marketing Tel. 0471.709600
[email protected] www.alpedisiusi.info

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags