Martedì 17 Gennaio 2012

Carnevale insolito
a Imst in Tirolo

Per un giorno danze e spettacoli nelle vie e nei vicoli di Imst scandiscono la vita della cittadina. Questa sfilata carnevalesca è una vivace espressione della cultura popolare del Tirolo e ogni quattro anni attira ad Imst migliaia di spettatori dai dintorni, ma anche da lontano. Il prossimo appuntamento è per il 12 febbraio 2012.

Si dia inizio alla festa

Per gli abitanti di Imst la Schemenlaufen ha inizio già alle sei e mezza del mattino, quando, non ancora mascherati, si celebra una messa per commemorare i partecipanti delle sfilate precedenti defunti. Subito dopo la messa degli araldi a cavallo iniziano a incitare al carnevale e una fila di persone mascherate si snoda dalla città alta verso la città bassa. Il gruppo inizia a prendere di mira determinate gaffe ed eventi tragicomici avvenuti nel paese nei mesi precedenti. Alle nove e mezza inizia il corteo delle maschere dalla città bassa alla città alta e la sfilata dei carri allegorici. Dopo l'ultimo rintocco delle dodici, spari di mortaretti segnano l'inizio ufficiale della “Schemenlauf“.

Le due maschere protagoniste: Scheller e Roller

Servendosi del “Pemsl”, una sorta di scopa composta da un'asta a cui sono fissati ramoscelli di salice, il “Vorroller” dà il segnale di partenza. Si tratta del “maresciallo” del corteo, la maschera più alta in grado, quella dotata della massima autorità. Tutti obbediscono ai suoi ordini, in primo luogo gli Scheller e i Roller, che insieme formano varie coppie. Le loro movenze sono codificate fin nei minimi dettagli: quasi sempre i graziosi Roller danzano attorno ai goffi Scheller, ciascuno rispettando il proprio ruolo. La figura del Roller indossa una maschera femminile, dal volto giovane e con un'acconciatura floreale, detta “Schein”, al centro della quale si trova uno specchietto. Il suo elemento distintivo è costituito dal cosiddetto “Gröll”, una cintura di cuoio passata attorno ai fianchi, ornata con 40-48 “Rollen” (campanelli). La controparte, lo Scheller, indossa una maschera cupa, dal volto rugoso, con lunghi mustacchi un po' baroccheggianti e un'acconciatura molto più grande, con al centro uno specchio e una corona di rami di tasso. Ai fianchi porta lo “Gschall”, una cintura che pesa fino a 35 kg ed è composta da campanacci da mucca fatti a mano (in numero variabile da quattro a dieci), fissati per metà davanti e per metà dietro a una larga striscia di cuoio. I campanacci iniziano a risuonare rumorosamente non appena il rispettivo Roller invita il proprio Scheller alle danze. Nella “Gangl”, la danza congiunta della coppia, il leggero scampanellio del Roller si mescola con i sordi rintocchi dei campanacci dello Scheller. Alla sfilata partecipano anche orsi, domatori, scimmie e venditori di uccelli. Seguono poi i già ricordati carri allegorici, ornati con motivi diversi e cantastorie.

Qualche prezzo

Tre pernottamenti con biglietto per vedere il Carnevale, ingresso al museo del Carnevale, slittata (skipass per la salita in seggiovia e noleggio slittino incluso) costano a partire da 103 euro in pensione privata (con prima colazione) e da 160 euro in hotel tre stelle con trattamento di mezza pensione. Pacchetto da prenotare presso: www.imst.at; [email protected]

Info:
Tirol Info
Maria-Theresien-Str. 55
6010 Innsbruck, Austria
Tel: +43 512 7272-0 [email protected] www.tirolo.com (in italiano)

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags