Lunedì 12 Novembre 2012

Magie natalizie
di Paesi nordici

di Emanuele Roncalli

Si ripresentano puntualmente ad ogni inverno e accendono atmosfere romantiche e fiabesche. Ma, diciamolo, i veri mercatini di Natale (Alto Adige a parte) sono quelli dei Paesi nordici con il loro brulicare di luci, gli aromi di zenzero e cannella, le decorazioni di legno.

Il nostro viaggio prenatalizio fa tappa questa volta in Svezia e Danimarca. Iniziamo da Stoccolma. Passeggiando nei vicoli medievali della Città vecchia (Gamla Stan) - vicino al Palazzo Reale (Kungliga Slottet) - sembra di vivere nel libro di Charles Dickens «Canto di Natale». Storicamente, la zona di Skansen è invece la meta ideale per gli amanti dei mercatini, un museo all'aperto dove creare candele e osservare i maestri artigiani al lavoro. A Stureplan si possono acquistare regali di lusso e vedere le bellissime luminarie. Meglio però non lasciarsi sfuggire le decorazioni natalizie delle vetrine del grande magazzino più glamour di Stoccolma, NK (Nordiska Kompaniet) in Hamngatan. Il 13 dicembre si può assistere a uno dei concerti di Santa Lucia organizzati nella maggior parte delle chiese.

Occorre infatti ricordare che in Svezia, all'alba del 13 dicembre, migliaia di bambine con una veste bianca, una candela accesa in mano e una coroncina di candele elettriche in testa, illuminano il buio inverno svedese. Si tengono anche processioni guidate da una bambina che impersona Lucia seguita da damigelle e paggetti che indossano vesti bianche e cappelli con stelle dorate. Il corteo è chiuso da bambini vestiti come folletti. Questa tradizione del Settecento si ripete in chiese, scuole, ospedali e luoghi di lavoro in tutto il Paese.

Nel periodo di Natale, qui si usa gustare lo julbord (buffet di Natale) nei ristoranti più rinomati, ma due di questi sono famosi per lo stile esclusivo di Stoccolma: lo sfarzoso Operakällaren, al piano terra del Teatro dell'Opera di Stoccolma, e il Grand Hôtel, frequentato da vip di Stoccolma. Anche Göteborg ama il Natale. Qui è tutto un tripudio di canti tradizionali, piste di pattinaggio e milioni di luminarie.

La «strada della luce» è lunga 3 km di luminarie e va dal porto al luna park Liseberg. Bältespännarparken è invece un piccolo parco che si trasforma in un'affascinante pista di pattinaggio sul ghiaccio, con venditori di caldarroste e un'accogliente caffetteria.

In Danimarca, a Copenaghen, Natale fa rima con Tivoli, una delle attrazioni più amate della capitale danese. D'obbligo una passeggiata per il parco e una golosa pausa a base di «gløgg & æbleskiver», caldo vino rosso speziato accompagnato da dolci paste servite con zucchero e marmellata.

Chi ha un appetito più grande può assaggiare i piatti tradizionali al Madklubben, al Brdr. Price o al Nimb Terasse, per citare solo tre dei tanti ristoranti, bistrot e bar della zona. Tivoli ospita il mercatino più popolare di Copenaghen. Quest'anno, le sue bancarelle di golosità saranno aperte dal 16 novembre al 30 dicembre. L'annuale Crazy Christmas Cabaret Show sarà invece in scena a partire dal 13 novembre nella Glassalen del Tivoli - il titolo di quest'anno è Hitchcock Up. Anche Nyhavn, la zona dei canali dove visse per diversi anni anche Hans Christian Andersen, ospita un mercato natalizio dal 16 novembre al 22 dicembre, dove curiosare tra le bancarelle alla ricerca di regalini, frittelle di mele, gløgg e altre delizie.

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags