Germania, la strada dei re e degli imperatori

Germania, la strada dei re e degli imperatori

Sedere nelle sale imperiali dove sono stati firmati trattati di pace, alleanze o dichiarazioni di guerra. Vagare per i saloni delle feste immaginandosi lo sfarzo di un tempo. Rilassarsi in giardini principeschi o camminare per le città fondate da imperatori. La Strada dei Re e degli Imperatori nelle Città Storiche della Germania è un itinerario che permette di rivivere la storia tedesca. L’itinerario inizia a Potsdam. Già il Vecchio Fritz, come la voce del popolo chiamava Federico il Grande, sapeva bene perché trasformare Potsdam in una residenza rappresentativa e in un centro dell’arte e della cultura: la posizione in mezzo ai laghi disegnati dal fiume Havel, che fanno della città quasi un’isola, sottolineava già allora lo splendore di palazzi, castelli e giardini. A circa 30 km da Berlino, Potsdam fu la seconda residenza dei re prussiani, che seppero armonizzare gli imponenti palazzi con la natura circostante, creando un paesaggio unico che continua ad affascinare. Nel 1990 l’Unesco ha dichiarato gran parte della ricchezza architettonica e paesaggistica di Potsdam patrimonio culturale mondiale. Tra questi figura il famoso quanto splendido castello Sanssouci, che è valso a Potsdam l’appellativo di Versailles del Nord. Nel 1999 sono stati aggiunti alla lista Unesco altri 14 siti, tra cui la colonia russa Alexandrovska, un piccolo villaggio di 13 case in legno costruito nel 1826 e oggi splendidamente restaurato.Per un soggiorno nella città dei parchi e castelli, il pacchetto soggiorno Potsdam à la card comprende 2 pernottamenti con colazione e PotsdamCard a partire da 87 Euro p.p. in camera doppia. Per prenotazioni e informazioni: Potsdam Tourismus Service, tel. 0049 (0)331 275580, www.potsdamtourismus.deLa seconda tappa dell’itinerario si incontra scendendo verso sud. È Erfurt, il capoluogo della Turingia, che può gloriarsi di aver ospitato personaggi come Goethe e Schiller, lo zar Alessandro I e Napoleone Bonaparte. Senza dimenticare che nel 1501 nella sua università si immatricolò Martin Lutero, riformatore, traduttore della Bibbia e principale creatore della lingua tedesca moderna. Il nucleo storico della città, dominato dallo straordinario insieme del Duomo e della chiesa di San Severo e caratterizzato da numerose case a graticcio e dimore patrizie accuratamente restaurate, testimonia ancora oggi il ricco passato commerciale del capoluogo della Turingia, il Land nel cuore della Germania. Sulla collina del duomo (Domberg) sorge un sorprendente insieme architettonico formato dal Duomo di Santa Maria e dalla gotica Chiesa di San Severo, a cui si accede da una grande scalinata. Unico nel suo genere è anche il Krämerbrücke (Ponte dei merciai) è il ponte coperto più lungo d’Europa. Realizzato originariamente in legno e poi, nel 1325, in pietra, il Krämerbrücke misura 120 metri. L’ufficio del turismo locale propone diverse offerte soggiorno tra cui “Scoprire Erfurt”: 2 pernottamenti con colazione, 1 cena in locale storico e 1 visita guidata partono da 109 Euro p.p. in camera doppia. Per prenotazioni: Per maggiori informazioni: Tourismus Erfurt, tel. 0049 (0)361 6640230, [email protected], www.erfurt-tourismus.de Proseguendo lungo la Strada dei Re e degli Imperatori si arriva nella bavarese Würzburg, ideale porta d’accesso alla Strada Romantica. Antica sede vescovile, Würzburg è una città dal profilo barocco, collocata in posizione idilliaca sul Meno tra colline coperte da vigneti e adorna di capolavori architettonici di diverse epoche. Le maggiori attrazioni di Würzburg sono la lussuosa Residenza dei vescovi principi e la maestosa fortezza Marienberg. Rimanendo sempre il Baviera ma spostandosi verso sud-est, la Strada dei Re e degli Imperatori porta a Ratisbona (Regensburg). Come nessun’altra città dell’Europa centrale Ratisbona rispecchia nel suo patrimonio architettonico l’importante sviluppo politico, economico e religioso dell’alto medioevo. Fondata dall’Imperatore Marco Aurelio, la città divenne in seguito la prima capitale della Baviera e sede preferita da Carlo Magno per le diete imperiali. Le testimonianza di questo splendente passato, come il Duomo, il Palazzo del Comune, la Porta Praetoria, i cortili interni e le cappelle private dei palazzi di epoca medievale, il Castello dei principi Thurn und Taxis, gli edifici romani e le chiese gotiche sono a portata di una piacevole passeggiata. Non a caso dal 2006 il centro storico della città fa parte del patrimonio dell’umanità UNESCO.Ancora in Baviera ma nella regione della Svevia si incontra la tappa successiva: Augusta (Augsburg). Indissolubilmente legata da un doppio filo alla storia italiana, Augusta non è solo città romana, fondata nel 15 a.C. dall’imperatore Augusto con nome di Augusta Vindelicorum, ma anche città del Rinascimento, come testimoniano l’imponente municipio, la torre Perlach (Perlachturm) e la fontana di Augusto. Il commercio e lo scambio artistico-culturale con l’Italia fecero di Augusta una delle città tedesche più ricche durante il medioevo. L’ultima tappa dell’itinerario porta verso ovest, a Heidelberg. La storica città, simbolo per eccellenza del Romanticismo tedesco, si presenta all’ospite in arrivo incuneata tra il fiume Neckar e le montagne dell’Odenwald. Sovrastata dall’imponente mole del Castello, eretto su una sporgenza terrazzata e contornato da boschi verdissimi, Heidelberg ha saputo conservare un gran numero di palazzi ed edifici storici. Tra le imponenti rovine del castello di Heidelberg, che troneggiano sui tetti del pittoresco centro storico, si trovano ancora testimonianze architettoniche gotiche e rinascimentali. Il centro storico emana un fascino decisamente romantico. La Hauptstrasse è una delle zone pedonali più belle d’Europa, mentre i quartieri studenteschi sono caratterizzati dalla presenza di bar e tipiche Kneipe. Germania Turismo C.P. 10009 – 20110 Milano-Isola Tel. 02 [email protected] www.historicgermany.com www.vacanzeingermania.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA