Al passo con i tempi

Al passo con i tempi

Trovo la notizia di cui riferirò tra poco molto interessante. Non interessante quanto un referendum per il quale gli italiani ancora si stanno contorcendo sui marciapiedi ma, insomma, interessante a modo suo.

Pare infatti che il futuro dell’investigazione criminale stia non nell’acchiappare i colpevoli, ma nell’acchiappare la gente che colpevole ancora non è ma sta per diventarlo. Sarebbe un altro colpaccio per Philip K. Dick, visionario scrittore di fantascienza autore del racconto da cui Ridley Scott ha tratto il film «Blade runner». Dick scriveva piuttosto male ma aveva grandi intuizioni: «vedeva» nel futuro di tutti noi l’amalgamarsi di una società ipercontrollata, impostata sulla sorveglianza, in cui lo Stato finiva per proteggersi non al fine di garantire i cittadini ma di preservare se stesso. Prima che gli girasse il boccino e andasse in giro a proclamare che un alieno gli trasmetteva segnali al cervello tramite un raggio rosa (o verde, non ricordo), riuscì a completare una mole di romanzi e racconti ancora oggi molto godibile. Tra questi scritti, “Rapporto di minoranza” immagina che un gruppo di «preveggenti» anticipi le azioni della gente e consenta dunque di fermare per tempo chi sta per commettere un crimine.

Da quanto si legge, è questa la nuova tecnica poliziesca. Ovviamente non ci sono preveggenti (mica siamo a Ballarò o a Piazzapulita) ma solo agenti ben addestrati che, scrutando nella folla attraverso telecamere di sorveglianza, sapranno leggere il linguaggio del corpo degli individui pronti a commettere un crimine e interverranno in tempo per impedirlo. Primo banco di prova di questa tecnica, gli aeroporti e in particolare la consegna dei bagagli. Il poliziotto-veggente coglierà in anticipo le intenzioni del ladro che, facendo finta di niente, è deciso a impossessarsi di una valigia altrui e potrà così arrestarlo. Con quale accusa non si sa, visto che ancora non avrà commesso alcun reato. Forse quella di non essere un criminale al passo con i tempi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA