Venerdì 28 Maggio 2010

Roffia: «Grande soddisfazione
I corsi al Liceo Secco Suardo»

Luigi Roffia, dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo (ex Provveditorato agli Studi) a proposito del liceo musicale esprime "una grande soddisfazione per una decisione da parte del ministero molto attesa dalle scuole bergamasche. Alla luce della ricchezza formativa in campo musicale da parte delle scuole bergamasche e della feconda collaborazione tra scuole e territorio, è fondamentale che dal settembre 2010 possa essere attivato un corso di liceo musicale, e in particolare al liceo Secco Suardo che fin dalla sua nascita (1861) ha ospitato l'insegnamento di musica e già da alcuni anni è sede di uno specifico indirizzo musicale e di un indirizzo coreutico. Come tale, si è fatto promotore anche di progetti e di iniziative di ambito musicale aperte non solo agli studenti, ma a tutta la cittadinanza".

"Sugli aspetti didattici e organizzativi inerenti il liceo musicale - continua Roffia - ha positivamente lavorato, tre anni or sono, l'Ufficio Scolastico con il Gruppo di lavoro Liceo Musicale e Coreutico, composto da dirigenti e docenti di diverse scuole bergamasche, da rappresentanti dell'Ufficio Scolastico, della Provincia e dell'Istituto Musicale “Donizetti”. E in questi mesi le Istituzioni, i sindacati, i parlamentari e i consiglieri regionali bergamaschi hanno fatto quadrato, insieme all'Ufficio Scolastico, sulla necessità di aprire una sezione di liceo musicale nella scuola bergamasca, facendo sistema per raggiungere l'obiettivo che ora rende ancora più ricca l'offerta formativa della scuola e del territorio nel campo della musica. Si tratta inoltre di un riconoscimento per il serio lavoro che le scuole di Bergamo e provincia da anni stanno compiendo nell'ambito della formazione musicale, a partire dalla scuola dell'infanzia e da quella primaria per poi proseguire, in una logica di continuità, nella scuola media e negli istituti superiori, dove sono già attivi alcuni indirizzi musicali liceali”.

e.roncalli

© riproduzione riservata