Mercoledì 02 Giugno 2010

Identificato l'uomo caduto in bici
Si cercano testimoni dell'incidente

È stato identificato nella mattinata di mercoledì 2 giugno il ciclista caduto dalla sua bici da corsa a Seriate e ora in gravi condizioni ai Riuniti di Bergamo. Si tratta di I.I., operaio romeno che vive a Grassobbio con la moglie e i due figli. A dare l'allarme nella mattina la famiglia che non l'ha visto rientrare a casa per la notte.

L'incidente risale a martedì 1° giugno, poco dopo le 19: l'uomo è caduto dalla bici in via Marconi, alla rotatoria che si trova tra l'area commerciale Decathlon-Leroy Merlin e l'autolavaggio. Il romeno ha battuto violentemente la testa, forse dopo l'urto con un veicolo che poi non si è fermato a prestare soccorso. L'operaio è stato subito ricoverato in ospedale con un gravissimo trauma cranico.

Tutto è successo pochi minuti dopo le 19. L'uomo, secondo una prima ricostruzione, pedalava verso il centro di Seriate e all'altezza della rotatoria sarebbe caduto o sarebbe stato urtato da un veicolo, riportando ferite in diverse parti del corpo, in particolare un grave trauma cranico. I passanti, vedendo il ciclista a terra, si sono fermati e hanno dato l'allarme al 118: i mezzi di soccorso sono arrivati a sirene spiegate e i soccorritori hanno prestato le prime cure all'uomo, che aveva perso i sensi, quindi lo hanno intubato e trasportato d'urgenza agli Ospedali Riuniti di Bergamo. I medici dell'ospedale cittadino si sono riservati la prognosi.
Per i rilievi è intervenuta la polizia locale di Seriate che ha ascoltato i racconti dei passanti che si sono fermati a soccorrere il ciclista: nessuno è stato in grado di dire agli agenti se l'uomo sia stato urtato da un veicolo, o sia caduto dopo aver perso l'equilibrio da solo, o ancora se sia stato travolto dopo la caduta. Anche un passante che aveva chiamato il 118 parlando di un possibile urto tra la bici e un furgone, poi non sarebbe stato in grado di dire con precisione se lo scontro ci sia stato o no. Di certo la ruota posteriore della bici da corsa è piegata, come se fosse stata tamponata o schiacciata da un veicolo dopo la caduta.
Gli agenti lanciano quindi un appello ai possibili testimoni dell'incidente per stabilire se nello schianto sia coinvolto un veicolo pirata, come farebbero sospettare i danni alla ruota.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata