Giovedì 17 Giugno 2010

Presolana, il bostrico miete boschi
Scatta l'intervento della Forestale

Hanno preso il via i lavori per l'emergenza bostrico e la sistemazione delle strade agro-silvo-pastorali a Falecchio, Sfessa, Camasone e Cremonella nei Comuni di Songavazzo e Cerete. Il bostrico è un insetto che negli ultimi anni sta intaccando in modo sempre più frequente i boschi maturi di montagna, soprattutto nelle zone orobiche bergamasche e bresciane, cibandosi del legno sotto la corteccia e facendo così morire interi boschi. I lavori per contrastare l'emergenza sono stati affidati al Consorzio forestale della Presolana dopo che la Regione Lombardia ha stanziato 500 mila euro per la loro realizzazione.

La Regione Lombardia ha già messo a disposizione del Consorzio 250 mila euro, altri 200 mila euro saranno disponibili nella primavera 2011, gli ultimi 50 mila euro saranno erogati a conclusione dei lavori. Le operazioni consistono nel taglio degli alberi nelle aree infestate: il taglio interesserà anche le piante apparentemente sane in un raggio di dieci metri da quelle infestate, al fine di evitare un possibile contagio e allargamento del bostrico.

Seguirà poi la pulizia dei boschi, il trasporto a valle del legname tagliato che sarà bruciato come biomassa, la sistemazione e messa in sicurezza delle strade agro-silvo-pastorali nelle aree di Falecchio, Sfessa, Cremonella e Camasone, con un allargamento dei sentieri pari ad almeno 2 metri e mezzo e la posa sulla carreggiata di due blocchi in cemento paralleli della larghezza di circa 80 centimetri l'uno per facilitare la percorrenza. Il Consorzio forestale ha già avviato il taglio degli alberi infestati e l'allargamento della strada sul piazzale di Falecchio.

Entro l'inverno di quest'anno il taglio interesserà anche i sentieri e i boschi che portano a Camasone, Sfessa e Cima Pizzo, mentre contemporaneamente saranno avviati gli interventi di pulizia e recupero che interessano l'area di Cremonella, nel territorio di Cerete. Il prossimo anno quindi, trasportato a valle tutto il legname tagliato, si procederà con la messa in sicurezza e la sistemazione della viabilità agro-silvo-pastorali.

e.roncalli

© riproduzione riservata