Mercoledì 01 Settembre 2010

Criminalità in Val Seriana
Arrivano i rinforzi del «Cio»

Cresce la sorveglianza nei Comuni della Val Seriana contro i furti e altri episodi di criminalità oggetto anche di consigli comunali e interrogazioni parlamentari nei mesi scorsi. Dal 2 settembre, infatti, i carabinieri della compagnia di Clusone avvieranno una serie di controlli con la collaborazione dei colleghi del Battaglione carabinieri Lombardia, una compagnia di intervento operativo (Cio) che ha sede a Milano e si sposta attraverso le province per dare appoggio ai comandi territoriali nel corso di servizi di controllo straordinari.

I «rinforzi», il cui invio è stato disposto dal comando generale dell'Arma, prevedono l'arrivo in Val Seriana di dieci carabinieri. Quanto resteranno in campo? La risposta per ora è «top secret», ma generalmente il Battaglione rimane per una o due settimane, rinnovabili in caso di necessità. I militari del Battaglione nei mesi scorsi erano già stati impiegati per controlli in altre zone della provincia, capoluogo compreso.

In Val Seriana il tema della sicurezza è sentito. A giugno il caso era finito in parlamento con un'interrogazione indirizzata ai ministri dell'Interno e della Difesa presentata dai deputati bergamaschi Giovanni Sanga e Antonio Misiani del Partito Democratico. Oggi Sanga e Misiani sono intervenuti sulla notizia dell'arrivo del Battaglione Lombardia in Val Seriana: «È un segnale positivo – ha spiegato Sanga – ma è l'ennesima soluzione "tampone", che non risolve alla radice il problema, più volte segnalato dal Pd, della scarsa presenza di forze dell'ordine sul territorio bergamasco. La situazione in una provincia variegata come la nostra è costantemente sottostimata e sarebbe utile che i ministri, dopo le passerelle alle feste della Lega, si decidessero a dare risposte strutturali». «Bergamo – ha aggiunto Misiani – è agli ultimi posti nel rapporto tra numero di cittadini e operatori delle forze dell'ordine: l'arrivo del Battaglione è una notizia positiva, ma continueremo a chiedere un rafforzamento permanente delle forze dell'ordine, al contrario di quanto ha fatto fino ad ora il governo Berlusconi che ha drasticamente tagliato i finanziamenti di polizia e carabinieri».

a.ceresoli

© riproduzione riservata