Martedì 09 Novembre 2010

Con la pioggia è arrivato il freddo
E la neve nelle Valli bergamasche

Non c'è dubbio, il freddo è arrivato. E con la pioggia di lunedì sono scese le temperature ed è arrivata anche la neve. Lo documentano bene le foto allegate che ritraggono i monti della Val Seriana. La neve, fino a 5 centimetri, è caduta per tutta la notte fino a 1.200 metri di altezza.

E non è arrivata solo la neve, ma anche la grandine. Quando il fronte freddo atlantico, in arrivo dalla Francia, si è affacciato sulla nostra pianura dalle Alpi occidentali del Piemonte, ha trovato molta aria umida e ancora piuttosto mite per il periodo, arrivata con lo scirocco di fine ottobre e conservata nella scorsa settimana dall'anticiclone delle Azzorre. In un fronte freddo, l'aria fredda è più pesante e viaggia bassa e vicina al suolo, sollevando verso l'alto l'aria calda e umida che incontra, più leggera, un po' come fa lo scalpello di un falegname col truciolo. È da questo meccanismo che sono nati gli enormi cumulonembi, del tutto simili a quelli estivi, che viaggiavano nascosti nel flusso nuvoloso e piovoso che saliva verso le Orobie da Sud-Ovest. Ecco quindi il freddo, ma anche gli inattesi tuoni di lunedì in giornata e le brevi ma intense grandinate, chicchi piccoli per fortuna. Ora la nostra aria si è raffreddata, con la neve scesa fin verso i 1000 metri, e manca quindi il gradiente di temperatura, per avere altri fenomeni simili. Ma fino a mercoledì, anche se con meno vivacità e meno vento, la pioggia sarà ancora protagonista.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata