Venerdì 26 Novembre 2010

Violenze sulla convivente:
2 anni e 8 mesi a un marocchino

La condanna è arrivata giovedì 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, e per un reato che in materia è un classico: maltrattamenti in famiglia. Lui, tunisino di 34 anni, è stato condannato a due anni e otto mesi e a un risarcimento provvisionale di 10 mila euro, da versare alla quarantunenne bergamasca che all'epoca conviveva con il nordafricano a Zogno.

Per l'accusa, l'uomo avrebbe più volte ingiuriato, minacciato e aggredito l'allora compagna, anche in presenza dei figli minori. I fatti sarebbero accaduti fra il 2007 e il dicembre del 2008. L'uomo, secondo le contestazioni, si sarebbe reso protagonista di numerosi episodi. In più occasioni avrebbe colpito la quarantunenne con sberle e pugni senza alcun motivo.

Non solo. Nel maggio 2008 avrebbe preso violentemente a sberle la figlia minore, prendendo a pugni l'allora compagna quando era intervenuta a difesa della ragazza. E poi, sempre stando alle accuse, insulti, ingiurie e minacce, tipo quella dell'agosto 2008: «Stai attenta che ti taglio la gola, te lo giuro, ti taglio la testa». L'11 dicembre 2008 la donna era pure finita in ospedale.

Leggi di più su L'Eco di venerdì 26 novembre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata