Mercoledì 08 Dicembre 2010

Furto a vuoto in un'abitazione
Ladre lasciano una rosa sul letto

Due ragazzine, forse nomadi, stavano tentando un furto nell'abitazione di un noto medico di Bergamo in zona via Monte Ortigara. Ma non sono riuscite a portare via nulla, scoperte dal servizio di vigilanza: fuggendo hanno lasciato sul letto una rosa bianca.

È successo ieri mattina: a quanto hanno ricostruito gli addetti del servizio di vigilanza e i carabinieri della compagnia di Bergamo, le due sconosciute, descritte poi da chi le ha viste fuggire come due adolescenti probabilmente nomadi, sono riuscite a entrare nell'abitazione del medico forzando una finestra e poi rompendo un vetro, peraltro blindato. Erano già in casa e stavano armeggiando tra i cassetti di un mobile nella camera da letto dei proprietari di casa, che si trova nella zona di via Monte Ortigara, quando è scattato l'allarme dell'abitazione collegato ventiquattro ore su ventiquattro con la centrale del Corpo di vigilanza «Città di Bergamo».

Sul posto sono immediatamente arrivate le guardie giurate, mentre le due ragazze, colte sul fatto, sono state costrette a rinunciare al loro «colpo» e sono scappate in tutta fretta. Sul letto matrimoniale dei padroni di casa, però, hanno lasciato in bella mostra una rosa bianca: pare, secondo gli inquirenti, che ultimamente le ragazze nomadi che tentano furti in abitazioni provino a entrare nelle case appunto con la scusa di vendere fiori. Le due sono state notate mentre, dal giardino dell'abitazione, si spostavano in un cortile di un condominio vicino, riuscendo in pochissimi secondi a far perdere le loro tracce. Stando ai primi accertamenti, dall'abitazione del medico non è stato portato via niente.

e.roncalli

© riproduzione riservata