Giovedì 30 Dicembre 2010

Palazzago, travolto da una robinia
pensionato rischia la gamba

Ha avuto gravi conseguenze l'infortunio accaduto ieri pomeriggio a Tarcisio Malighetti: il pensionato di 65 anni è stato travolto da una grossa pianta che stava tagliando nel giardino della casa in cui abita il nipote Achille. Il pensionato ora è ricoverato all'ospedale Gavazzeni Hmanitas di Bergamo, in condizioni serie: la parte inferiore della gamba sinistra è messa molto male e i medici non escludono di doverlo operare nei prossimi giorni. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente che si è verificato attorno alle 17 nel giardino di una proprietà privata di via Grumello, che si trova nella frazione di Gromlongo a Palazzago.

Da alcune informazioni raccolte sul posto è stato possibile stabilire che l'uomo era impegnato con il nipote a tagliare un grossa pianta, che rischiava di cadere sopra la casa. Si tratta di una vecchia robinia dal peso di circa 20 quintali. Proprio mentre i due uomini erano al lavoro, la pianta è caduta all'improvviso travolgendo il pensionato e schiacciandogli la gamba. Fortunatamente non è stato colpito il nipote trentenne, poiché in quel momento era distante dal luogo dove è caduto l'albero.

Il pensionato ha urlato per richiamare l'attenzione di Achille, che è accorso trovando lo zio a terra con la gamba schiacciata dal tronco della pianta. Subito è stato allertato il 118 e sul luogo dell'infortunio è arrivata l'auto medicalizzata, con l'ambulanza e i vigili del fuoco di Zogno e dell'Isola. Usando i cuscini Vetter, i soccorritori hanno liberato la gamba del pensionato, che non ha mai perso conoscenza ma che urlava per il fortissimo dolore. Il personale sanitario ha prestato le prime cure al ferito e poi l'ambulanza a sirene spiegate ha trasportato la vittima dell'incidente all'Ospedale Gavazzeni Umanitas di Bergamo. Dopo i primi accertamenti clinici, il pensionato ferito è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico nel tentativo di salvare la parte inferiore dell'arto rimasto schiacciato dal tronco della pianta.

e.roncalli

© riproduzione riservata